Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Nuovo Dpcm e spettro zona rossa per la Lombardia, Fontana: “Dati peggiorano”. E spunta una richiesta di chiusura “generale”

lunedì, 11 gennaio 2021

Sondrio – “Il Governo ci ha spiegato quali potrebbero essere le eventuali restrizioni da porre in essere nel prossimo Dpcm”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, a margine dell’incontro con il Governo che si è tenuto questa mattina. Il nuovo Dpcm in arrivo da Roma potrebbe durare 30 o 45 giorni, con pesanti restrizioni ulteriori per cittadini e imprese.

Guardando specificatamente alla Lombardia e all’ipotesi di un passaggio della Regione in ‘zona rossa’ il governatore ha aggiunto: “Tenuto conto dell’abbassamento dei parametri introdotti nell’ultimo Decreto legge, che ha portato il limite della zona rossa da 1,5 a 1,25 di Rt, dobbiamo prestare grande attenzione a quello che accadrà questa settimana”.

Per concludere il presidente Fontana ha spiegato come “l’attenzione verso il mondo della scuola e in particolare degli studenti sia particolarmente alta e costante da parte di tutti”. “E’ chiaro – ha concluso – che se ci fosse un passaggio alla zona rossa si proseguirebbe automaticamente con la didattica a distanza al 100% per la scuole superiori”.

IN MATTINATA IL PRIMO ALLARME

“Purtroppo stiamo peggiorando in tutti i parametri, ci stiamo sicuramente avvicinando alla zona rossa. E’ evidente che la situazione deve essere monitorata con attenzione”. Lo ha detto il presidente della Lombardia, Attilio Fontana, a SkyTg24. “Il mio auspicio è sempre che i numeri si invertano, ma nel caso in cui non lo facessero il rischio è questo”, ha aggiunto.

RICHIESTA DI CHIUSURA GENERALE

Tutte le regioni d’Italia in zona arancione, senza distinzioni, è stata la richiesta dei governatori Vincenzo De Luca per la Campania, Attilio Fontana per la Lombardia e Massimiliano Fedriga per il Friuli Venezia Giulia, nel corso della riunione tra i ministri Roberto Speranza e Francesco Boccia e i rappresentanti di Comuni e Regioni.

Condivisione di massima degli enti locali sulle chiusure che deciderà il Governo: unica eccezione il divieto di asporto dei bar dalle 18, che Decaro chiede sia non per i cibi ma solo per le bevande.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136