Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Gemellaggio e mercatini, la Val di Sole porta la neve di Capri

venerdì, 22 novembre 2019

Dimaro - Le condizioni meteo non sono delle migliori su tutta Italia, ma immaginare che ad essere imbiancata sarà la mitica piazzetta Umberto I di Capri, è comunque incredibile. Quando dovrebbe avvenire? Sabato sera, verso le 20. Poterlo affermare con tanta precisione non è frutto di modelli matematici particolarmente sofisticati. Il fatto è che il maltempo non c’entra. E la nevicata novembrina per l’isola campana non è una novità. Avviene con regolarità da 20 anni (2019 compreso). A portarla sono gli amici della Val di Sole, con la quale Capri è gemellata dal 1999.

mercatini neve carpiIl merito è dei cannoni sparaneve che di solito vengono utilizzati dai responsabili delle piste del comprensorio sciistico della Val di Sole, per assicurare piste sempre perfette ai turisti. Ma anche in “trasferta” la loro opera verrà senz’altro apprezzata da grandi e piccoli, anche per l’originalità della location che sarà imbiancata.

“L’appuntamento – spiega Luciano Rizzi, presidente dell’Azienda di Promozione Turistica della Val di Sole – è ormai molto atteso dalle due comunità. È un’occasione per rivedersi e per rinsaldare i legami. Ma, è inoltre un valido esempio di partnership turistica nazionale, basata sul fare sistema oltre i confini regionali. Attraverso la cooperazione tra le eccellenze che il panorama turistico italiano sa offrire, possiamo vincere la sfida dei nostri concorrenti esteri. E possiamo garantire prosperità economica e sviluppo sostenibile ai nostri territori”.

La nevicata dai tetti delle case che circondano la piazzetta sarà solo una parte della festa. Il programma prevede che, nel tardo pomeriggio, verranno accese le luminarie natalizie sul grande albero ecologico di Natale e gli storici edifici circostanti. Poi, come ogni anno, è previsto che la celebrazione venga accompagnata da musica tradizionale trentina e da un menu con specialità gastronomiche delle valli montane, a base di polenta, luganega e crauti.  A realizzarli saranno alcuni ragazzi del Centro di Formazione Professionale Trentino Enaip di Ossana, coordinati dagli esperti chef docenti. Un supporto prezioso sarà fornito dagli allievi dell’Istituto Alberghiero di Capri “Ipsar Axel Munthe”, storica scuola da diversi anni impegnata nell’incontro pratico di ricette e piatti tipici con l’omologo ente trentino.

Proprio gli studenti delle due scuole saranno poi i protagonisti di un’iniziativa che si terrà nella primavera 2020: una sorta di “Erasmus culinario”, per accrescere la propria preparazione sui segreti delle rispettive eccellenze gastronomiche. Un know how importante che può ampliare gli sbocchi occupazionali al termine degli anni scolastici.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136