Ad
Ad


Valtellina Orobie ISMF Ski Mountaineering World Cup: al via le gare

martedì, 1 febbraio 2022

Caspoggio – Conto alla rovescia verso l’inaugurazione del 35° Valtellina Orobie ISMF Ski Mountaineering World Cup 2021/2022 che si aprirà con la cerimonia ufficiale in programma domani – mercoledì 2 febbraio – alle 17.30 in piazza Garibaldi a Sondrio.

Il mondo delle scialpinismo sfilerà da piazza Campello lungo viale Italia per portare nel cuore del capoluogo, al centro fra Orobie e Retiche, i valori racchiusi in questa disciplina pronta ormai al debutto sullo scenario olimpico; proprio in queste ore lo staff lavora senza sosta all’allestimento del Villaggio dello Skialp dove si svolgeranno, oltre alle premiazioni e ai meeting dei team, anche tutti gli eventi collaterali programmati con modalità diffusa nei giorni della kermesse (www.valtellinaorobie.it/gara-scialpinismo/eventi-villaggio-ski-alp/).

LA CERIMONIA – Al taglio del nastro parteciperanno le rappresentanze di tutte le nazionali impegnate giovedì e sabato nelle due gare assegnate alla Polisportiva Albosaggia ASD: la prova individuale, che si svolgerà il giorno dopo, giovedì 3 febbraio, sulle nevi del Palù, a Chiesa in Valmalenco (Sondrio) e la sprint in calendario sabato 5, sempre in mattinata, nello splendido anfiteatro di Caspoggio.

Due tracciati spettacolari, perfettamente preparati – grazie ad un esercito di volontari – e rappresentativi della straordinaria vocazione del territorio, degli enti e delle associazioni, ad ospitare eventi sportivi di altissimo livello.

I dettagli sono stati definiti negli ultimi giorni facendo i conti con l’eccezionale carenza di neve che ha imposto lo spostamento della gara lunga dalla sua sede tradizionale, il leggendario Meriggio, alla ski area del Palù: “Abbiamo cercato di trasformare gli ostacoli in opportunità, come siamo abituati a fare da decenni nell’organizzazione e gestione di competizioni internazionali – dichiara in queste ore il direttore di gara, Massimo Murada – e anche se non sarà una prova alpinistica, atleti e pubblico avranno sicuramente il meglio”.

LE GARE – La novità è rappresentata dal tracciato che si snoda sulle piste: facendo di necessità virtù – e avendo pianificato con largo anticipo una soluzione alternativa – gli organizzatori sono riusciti a creare una gara dal format olimpico anche per le caratteristiche di massima accessibilità.

Grazie anche alla disponibilità degli impianti di risalita della società Funivie al Bernina, spettatori e addetti ai lavori potranno seguire ogni fase della sfida: “Abbiamo messo a frutto tutto quello che si poteva utilizzare in ambiente naturale con 4 passaggi finali all’Alpe Palù – anticipa Murada – molto ripidi e spettacolari, con due discese fuoripista di cui una addirittura all’interno del bosco. Resta un unico rammarico: la discesa dal Sasso Nero avverrà obbligatoriamente in pista e con alcune porte sul primo tratto per limitare la velocità”.

Spettacolo assicurato e grande attesa, intanto, anche a Caspoggio, dove da settimane si lavora giorno e notte per garantire il miglior svolgimento possibile dell’evento, perfezionando la preparazione del campo gara e allestendo tutto il necessario per accogliere squadre e appassionati.

“In questo caso – tiene a precisare il presidente della Polisportiva Albosaggia, Gianluca Cristini – il maggior punto di forza è la rodata collaborazione con l’ASD Caspoggio: la pista è pronta, bellissima, spettacolare e rifinita in modo eccellente; merito dello splendido lavoro fatto dai tecnici e volontari caspoggini e del quotidiano raccordo fra tutte le componenti del team”.

Gli fa eco Murada che sulla location della sprint non ha mai avuto né dubbi né incertezze: “Abbiamo idee chiare e condivise da tempo – conferma – certamente questa é la sede per eccellenza per una manifestazione del genere, uno ski-stadim perfetto per una gara che si preannuncia durissima; un percorso molto ripido e quindi avvincente anche per la platea, con spettacolo assicurato e filo da torcere per gli agonisti”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Pierangelo Panzeri - P. IVA 03457250136