Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Premio Standout Woman Award 2018, Maria Rita Parsi: “Donne fondamentali per la crescita e lo sviluppo”

venerdì, 9 novembre 2018

Roma – “E’ il premio delle eccellenze femminili e sono grata a chi l’ha ideato e in questi anni portato avanti con grande impegno”, è il commento di Maria Rita Parsi (nella foto), psicopedagogista, psicoterapeuta, docente universitaria e giornalista che ieri nell’aula dei Gruppi Parlamentari a Montecitorio ha ricevuto il Premio Internazionale Standout Woman Award 2018.

La consigliere di parità della Provincia di Brescia, Anna Maria Gandolfi, ha illustrato le motivazioni del prestigioso riconoscimento a Maria Rita Parsi: ha fondato e tuttora dirige la SIPA (Scuola Italiana di Psicoanimazione), quindi ha dato vita alla Fondazione Movimento Bambino Onlus, istituzione culturale per la tutela giuridica e sociale dei bambini, per la diffusione della Cultura per l’Infanzia. Nel 2012 è stata eletta Comitato ONU per i Diritti del Fanciullo. Un’eccellenza femminile a livello internazionale.

ParsiIl premio Standout Woman Award 2018 è un’iniziativa promossa dalla consigliera di parità della Provincia di Brescia, Anna Maria Gandolfi, in collaborazione con PromAzioni 360 di Darfo Boario Terme (Brescia) di Loretta Tabarini.

“Questo premio – ha affermato Maria Rita Parsi – ha un grande valore: riconosce le eccellenze di chi lavora per i diritti del mondo femminile. Le donne stanno contribuendo a cambiare il mondo, con grande impulso e uno sforzo educativo unico”. Il ruolo delle mamme, delle insegnanti, delle educatrici è stato evidenziato da Maria Rita Parsi, che ha ricordato il suo lavoro al Comitato ONU per i Diritti del Fanciullo, con dati sulle bambine infabulate e arruolate nei Paesi in guerra.

“Le donne sono fondamentali ed hanno infinite capacità – ha concluso la professoressa Parsi – l’infelicità della donne è l’infelicità di tutti”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136