Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Valsugana: azienda condannata per licenziamento illecito e ritorsivo, soddisfatta la Fillea-Cgil

mercoledì, 27 novembre 2019

Trento – Azienda della Valsugana condannata per licenziamento illecito e ritorsivo. Il lavoratore, sostenuto dalla Fillea Cgil, aveva testimoniato a favore di una collega e dunque era stato “punito” con la perdita del posto di lavoro. Sandra Ferrari: sentenza importante per la tutela dei diritti dei lavoratori

Licenziamento illecito e ritorsivo. E’ questa la sentenza emessa dal giudice del Lavoro del Tribunale di Trento, Giorgio Flaim, che ha condannato un’azienda della Valsugana che opera nel comparto legno per avere licenziato un proprio dipendente, “colpevole” dal suo punto di vista per aver testimoniato in favore di una collega in un processo fra l’impresa ed la dipendente licenziata.

Accogliendo la tesi del lavoratore difeso dall’avvocato Giovanni Guarini e sostenuto dalla Fillea Cgil del Trentino, il Giudice ha ritenuto che l’unico motivo del licenziamento sia stata la volontà di rappresaglia dell’azienda nei confronti di un lavoratore che si era permesso di testimoniare il vero in giudizio, pur se la sua deposizione era “scomoda” per l’azienda, tanto che la sua collega ha vinto la causa contro il datore di lavoro.

“Si tratta di un precedente molto importante e che dà voce alla tutela dei diritti dei lavoratori – commenta la segretaria generale della categoria Sandra Ferrari -. Purtroppo esistono contesti aziendali in cui c’è un atteggiamento di insofferenza e conflittuale nei confronti dei diritti e tutele dei lavoratori. Quando questi casi assumono livelli importanti di gravità che non si risolvono nell’ambito di un normale confronto come sindacato abbiamo il dovere di tutelare fino in fondo il diritto dei lavoratori segnalando il problema al Giudice”.

L’azienda condannata ha dimostrato anche in altre circostanze scarsa sensibilità al rispetto delle regole e dei diritti dei propri dipendenti. Questa stessa impresa aveva anche sottoscritto un accordo nel 2015 nel quale si era impegnata di fronte alle organizzazioni sindacali ad assumere i lavoratori trentini di una azienda decotta. Però: “Nel corso di quest’anno – prosegue Ferrari - ha attuato una politica di trasferimenti di alcuni lavoratori trentini in un’altra unità produttiva fuori regione. Nella maggioranza dei casi si trattava di lavoratori sindacalizzati e ritenuti scomodi. Per questa ragione alcuni di loro hanno contestato il trasferimento in giudizio vincendo la causa”.

“Il caso del lavoratore licenziato perché aveva testimoniato nel processo della sua collega trasferita e la pronuncia del Tribunale dà ora a tutti i lavoratori un po’ di speranza per reagire e guardare il futuro con un po’ più di ottimismo”, conclude la segretaria della Fillea del Trentino.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136