Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Ricatto sessuale sul web, la Polizia di Trento arresta 29enne

lunedì, 4 novembre 2019

Trento – La Squadra Mobile della Questura di Trento, coordinata dalla Procura della Repubblica di Trento, nella prima mattinata odierna, ha eseguito la misura cautelare personale degli arresti domiciliari a carico di L.S., 29 anni residente a Roma, in quanto resosi responsabile del reato di estorsione.

L’uomo, celatosi sotto lo pseudonimo di “Bear” in un sito di incontri online, ha inserito nel web un messaggio in cui ha palesato di essere disponibile ad incontri per corrispondere prestazioni sessuali. Contattato dalla vittima, residente in provincia di Trento, ha dapprima astutamente catturato la fiducia dell’interlocutore e poi ha chiesto, ed ottenuto, che la vittima gli mandasse delle foto in atteggiamenti sessuali espliciti, tramite un noto servizio di instant messaging, abbinato all’utenza telefonica.

Trascorsi alcuni giorni il sedicente “Bear” ha ricontattato la vittima chiedendogli 900 euro affinchè non divulgasse nella rete internet le foto di nudo in suo possesso, inviate dalla stessa persona adescata nel web.

Innanzi a questa richiesta il trentino, impaurito che la sua privacy potesse essere violata, ha corrisposto la somma, ricaricando una carta postepay, sottoscritta con generalità fittizie.

Ma le richieste di denaro non si sono esaurite, diventando sempre più reiterate e ripetute, fino a che non è stato chiesto alla vittima di versare la somma di 10mila euro.

In preda al panico e stufo di questa situazione l’uomo si è presentato in Questura a Trento ove è stato ascoltato dagli investigatori della Squadra Mobile che hanno informato l’Autorità giudiziaria di Largo Pigarelli, giungendo in pochi giorni a risalire all’identità del 29enne romano, arrestato all’alba di questa mattina in collaborazione con la Squadra Mobile di Roma.

Nel corso della perquisizione effettuata nella Capitale sono stati sequestrati all’uomo il telefono, utilizzato per i contatti con la vittima, e la carta di credito ricaricabile per ricevere il denaro.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136