Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Paga consumazione con banconota falsa a Levico, arrestato dai carabinieri di Borgo Valsugana

giovedì, 14 giugno 2018

Levico Terme – Quando la collaborazione tra il Cittadino e l’Arma c’è, i risultati non mancano. Siamo in un locale di Levico Terme, tarda sera, il gestore riceve, come pagamento di una consumazione effettuata, una banconota da 50 euro il quale si accorge, dopo un attento e rapido esame, essere falsa. E’ pronto nella reazione, mantiene la calma. banconoteCon una scusa trattiene i clienti, offre loro un’altra birra e, appartatosi, chiama il 112, il numero unico di emergenza. Parla con un carabiniere della centrale operativa di Borgo Valsugana, descrive i fatti, le persone ed il militare, senza perdere tempo, invia una pattuglia del Nucleo Radiomobile. Qualche minuto, non di più e l’equipaggio del Nucleo Radiomobile arriva nel locale e subito individua le persone segnalate. Vengono identificati e sottoposti a perquisizione personale. Sulla persona di P.N., 19enne italiano pregiudicato, venivano trovate altre banconote false, sempre del taglio di 50 euro. Accompagnati in caserma e sentite le parti, veniva solo uno dei due riconosciuto responsabile del reato di spendita di banconote false e per questo, tratto in arresto. Su disposizione del Pubblico Ministero di Trento, veniva trattenuto presso la camera di sicurezza della caserma di Borgo Valsugana, in attesa di essere condotto in Tribunale, dove affronterà il rito direttissimo nella mattinata odierna.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136