Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Livigno: controlli antidroga dei carabinieri, 10 persone segnalate al prefetto di Sondrio

martedì, 9 aprile 2019

Livigno – Operazione dei carabinieri della stazione di Livigno (Sondrio), dieci persone segnalate in una notte per possesso di sostanze stupefacenti per uso personale. I militari della stazione di Livigno, con la collaborazione del cane Labrador “Grinder” del Nucleo Carabinieri Cinofili di Orio al Serio, in occasione della prima giornata della kermesse musicale denominata “Snowland Festival 2019″ hanno svolto un servizio di prevenzione e contrasto del fenomeno del consumo e dello spaccio al minuto di sostanze stupefacenti. L’obiettivo prefissato non era quello di intercettare o sequestrare grandi quantitativi di droga, bensì quello di disincentivarne l’assunzione da parte dei numerosissimi ragazzi e ragazze ascesi al Piccolo Tibet per godersi un po’ di relax e divertimento, partecipando a questa importante manifestazione musicale.

Carabinieri - cinofiliIn questo modo i militari hanno avviato la prevenzione del rischio che l’alterazione dello stato psicofisico conseguente all’assunzione di stupefacenti potesse indurre comportamenti pericolosi per la propria o per l’altrui incolumità. Ed è stato con queste finalità che i militari della stazione livignasca, che fanno parte della compagnia di Tirano, guidata dal capitano Luca Emilio Mechilli, hanno organizzato un servizio di monitoraggio che è iniziato alle 18 di sabato ed è proseguito fino alle 4 della domenica e che ha avuto come teatro i dintorni delle principali discoteche del paese. Qui i carabinieri hanno predisposto un servizio di filtraggio in uniforme e con la preziosa collaborazione di “Grinder”, uno dei due Labrador già impiegati nello scorso mese di febbraio in analoga operazione organizzata presso la stazione di partenza della cabinovia di Bormio. Al termine del servizio sono stati segnalati alle Prefetture competenti per territorio 10 persone trovate in possesso di piccole dosi di sostanza stupefacenti per uso personale che, se non fosse stato per l’intervento dei carabinieri, sarebbero state introdotte nei locali del divertimento, e lì, quasi certamente consumate. Sequestrati complessivamente sei grammi di marjuana, due grammi di cocaina e un grammo di hashish. Le 10 persone segnalate hanno un’età compresa tra i 21 e i 57 anni, italiani, ma anche turisti stranieri, in particolare provenienti dall’est Europa. 7 gli uomini e 3 le donne.

I carabinieri sono anche attivamente impegnati nell’attività di formazione e sensibilizzazione dei giovani circa i rischi e le conseguenze legate all’assunzione di sostanze stupefacenti. Infatti nell’ambito degli incontri di “educazione alla legalità” organizzati presso le scuole secondarie di primo e secondo grado della provincia, i militari, tra l’altro, illustrano ai ragazzi le norme in materia di assunzione di droghe e detenzione per uso personale e ai fini di spaccio, e, in questo contesto spiegano come queste condotte possono, tra l’altro, incidere anche sulla propria libertà. Infatti non tutti sanno che tra le sanzioni accessorie che possono essere applicate in caso di contestazione amministrativa per il possesso di sostanza stupefacente per uso personale vi è la sospensione della patente di guida (o divieto di conseguirla), nonché la sospensione del passaporto e di ogni altro documento equipollente (o divieto di conseguirli), per il minimo di un mese, fino al massimo di un anno.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136