Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Infortunio mortale a Grosio, imprenditore svizzero condannato

giovedì, 21 novembre 2019

Sondrio – Imprenditore svizzero condannato a due anni e due mesi e a una multa di 6mila euro. La sentenza è stata pronunciata oggi dal Gup del tribunale di Sondrio Carlo Camnasio.

I fatti risalgono nel giugno di due anni fa, quando due boscaioli rimasero vittime di un infortunio nei boschi di Grosio (Sondrio) per il difettoso funzionamento della teleferica che avrebbe dovuto portare a valle il legname. Ad un certo punto la fune si staccò e i tronchi colpirono Dorim Petrean, romeno, 42 anni, che morì sul colpo, mentre il connazionale Pirvoni Gavrilut, 45 anni, riportò gravi ferite con una prognosi di oltre due mesi.

tribunale Sondrio - credit foto GDVL’imprenditore svizzero Pietro Severino Ferrari era accusato di omicidio colposo e inottemperanza alle disposizioni in materia di sicurezza sul lavoro. Il difensore dell’imprenditore residente a Brusio ha chiesto il rito abbreviato durante l’udienza preliminare che ha portato a uno sconto di pena di un terzo per l’imputato che ora dovrà anche risarcire il danno.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136