Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Caporalato, nel Bresciano arrestata titolare di laboratorio tessile

sabato, 9 novembre 2019

Brescia - Il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Brescia, nell’ambito di un servizio programmato su tutto il territorio nazionale nell’ambito del contrasto al fenomeno del “caporalato”, in collaborazione con la Compagnia Carabinieri di Desenzano del Garda (Brescia) hanno arrestato una cittadina di nazionalità cinese, titolare di un laboratorio tessile ubicato in Calcinato (Brescia), perché responsabile del reato di caporalato: per aver sfruttato 5 lavoratori “in nero” di nazionalità cinese, di cui tre “clandestini” sul territorio nazionale, occupandoli alle proprie dipendenze e favorendone la permanenza sul territorio italiano.

Carabinieri NIL 01Il Nucleo Ispettorato Lavoro ha proceduto al sequestro del laboratorio con n. 31 postazioni di lavoro, perché i luogo di lavoro non erano conformi ai requisiti previsti delle normative in materia prevenzionistica, del lavoro e del “Testo Unico di Sicurezza”, nonché hanno proceduto alla sospensione dell’attività imprenditoriale. I tre cittadini cinesi “clandestini” sono stati accompagnati presso l’Ufficio Stranieri della Questura di Brescia per le pratiche di espulsione.

Nei confronti della ditta e della titolare sono state elevate sanzioni per circa 50mila euro.

carabinieri NIL 0

Nell’ambito dello stesso servizio sono stati controllati altri due laboratori tessili gestiti sempre da cittadini di nazionalità cinese, ubicati in Bedizzole e Calcinato. In entrambe i controlli sono stati denunciali a piede libero i titolari per violazione delle norme in materia di sicurezza sul lavoro, elevando sanzioni per circa 10mila euro.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136