Ad
a
Ad
Ad


Atti osceni a Bressanone: sanzionato dai carabinieri. I numeri di un anno di controlli sui bus scolastici

martedì, 28 giugno 2022

Bressanone – Sarà sicuramente sembrato strano, alle persone che alle prime ore del mattino passeggiavano lungo l’argine dell’Isarco vedere un uomo che, seduto su una panchina con i pantaloni calati, si lasciava andare a forme di gratificazione personale certamente più adatte ai luoghi privati.

Così strano che una signora, giustamente disgustata da quanto era costretta ad assistere, ha chiamato i carabinieri perché ponessero fine alla imbarazzante situazione.

I militari della Compagnia di Bressanone, immediatamente intervenuti, sono riusciti a identificare l’uomo, uno straniero (un 28enne illirico) che, seppur ancora in preda ai fumi dell’alcol della nottata passata, ammetteva subito quanto accaduto. Segnalato al competente Commissariato del Governo, dovrà ora rispondere della particolare violazione di “atti osceni” prevista per chiunque in luogo pubblico compia appunto atti osceni, fattispecie di reato recentemente depenalizzata, che prevede una sanzione che, se pagata in forma ridotta, come nel caso di specie, ammonta a ben 10.000 euro. Peraltro tale violazione ritorna ad essere reato nella sua forma aggravata ovvero se il fatto è commesso all’interno o nelle immediate vicinanze di luoghi abitualmente frequentati da minori e se da ciò deriva il pericolo che essi vi assistano. In tal caso la pena può essere della reclusione fino a quattro anni e sei mesi.

Esito controlli dei carabinieri sugli autobus scolastici anno scolastico 2021/2022

I militari del Comando Provinciale Carabinieri di Bolzano hanno positivamente concluso anche quest’anno il servizio di controllo agli scuolabus nel corso dell’anno scolastico 2021/2022, da poco concluso.

Il servizio di controllo di legalità sull’autotrasporto scolastico era stato ideato più di vent’anni fa dopo un terribile fatto di cronaca in cui una scolara morì schiacciata dalle ruote di uno scuolabus. Anno scolastico dopo anno scolastico la sinergia tra ripartizione mobilità della Provincia autonoma di Bolzano e i carabinieri del Comando provinciale è incrementata sempre più fino a essere, circa dieci anni or sono, messa anche in forma scritta e rinnovata a ogni inizio di anno scolastico.

I carabinieri intervengono presso le fermate per accertarsi principalmente cha i concessionari del trasporto scolastico svolgano il proprio servizio alla collettività nella legalità, impiegando veicoli a norma e conducenti in possesso di tutte le previste abilitazioni di guida.

I militari dell’Arma controllano ad esempio de il mezzo sia immatricolato per il servizio di noleggio con conducente (n.c.c.), se il conducente sia in possesso di certificato di abilitazione professionale (c.a.p.) e di carta di qualificazione del conducente (c.q.c.) (e della partente ovviamente), se il numero di alunni non ecceda la capienza del mezzo, che vi sia un accompagnatore in caso di bambini delle materne e – negli ultimi due anni – se le norme anti-covid siano rispettate.

Le nove compagnie nel territorio altoatesino hanno nel corso dell’anno eseguito complessivamente 752 conrolli ed elevato in tutto tre sanzioni, di cui due in Pusteria. Una sanzione è stata fatta per l’impiego di un veicolo non omologato per n.c.c. che prevede la sanzione amministrativa pecuniaria di euro 173 (121,10 entro cinque giorni e 346 oltre il 60° giorno) e la sospensione della carta di circolazione e fermo amministrativo da 2 a 8 mesi. Un conducente è stato trovato privi di c.a.p. e in tal caso la sanzione l’ha avuta sia lui (euro 408 e fermi di 60 gg per il mezzo) che il datore di lavoro (euro 397).

Da ultimo un conducente e il suo datore di lavoro sono stati sanzionati perché il primo – in periodo di vigenza dell’obbligo della certificazione verde anti covid – era privo appunto del green-pass e l’altro ovviamente lo aveva impiegato senza accertarsi che il dipendente fosse in regola.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Pierangelo Panzeri - P. IVA 03457250136