Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Pinzolo, festa annuale della Pro loco di Mavignola: presente anche Salvini

domenica, 3 novembre 2019

Pinzolo – A S. Antonio di Mavignola la Pro loco festeggia la voglia di fare comunità. “Le nostre comunità vivono perché grazie ad esperienze come questa sanno valorizzare energie, inventiva e voglia di stare insieme”. Lo sottolinea il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti oggi presente alla festa annuale della pro loco di Mavignola, frazione del Comune di Pinzolo, un sodalizio particolarmente attivo nella promozione di innumerevoli attività sia sul fronte turistico che del sociale. pzEd erano in tanti oggi, sotto i primi fiocchi di neve al rifugio Patascoss, all’imbocco della 3Tre, a complimentarsi con la presidente della pro loco, Carmen Caola, a cominciare dall’ex vicepremier Matteo Salvini, in questi giorni in Trentino, presente assieme all’assessore provinciale Roberto Failoni. Tra le altre cariche istituzionali presenti anche il presidente del Consiglio provinciale Walter Kaswalder, l’onorevole Diego Binelli ed il sindaco di Pinzolo Michele Cereghini con la sua giunta. Presenti anche il presidente dell’Apt Madonna di Campiglio, Tullio Serafini ed il presidente della Cassa rurale Adamello, Fabrizio Caola.

“È la forza del volontariato – ha commentato il presidente Fugatti – a mantenere vitali i nostri paesi di montagna, e a difenderne identità e tradizioni. Dobbiamo tutti impegnarci per non far venir meno questo spirito”. S. Antonio di Mavignola da questo punto di vista rappresenta un bel simbolo, con i suoi 130 volontari su un totale di circa 350 abitanti. “È grazie al loro impegno – ha spiegato la presidente Caola – che si organizzano eventi di richiamo come la Rampagada o Clemp in festa o, ancora, la sagra del santo patrono ogni 17 gennaio. E per il 2020 stiamo studiando altre iniziative, come la desmalgada delle mucche della Val Rendena”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136