Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Trento, la targa del Consiglio provinciale alle Stelle al merito dei Maestri del lavoro

sabato, 9 novembre 2019

Trento – La targa del Consiglio alle Stelle al merito dei Maestri del lavoro. Il presidente del Consiglio provinciale Walter Kaswalder ha ripristinato la cerimonia a palazzo Trentini.

Maestri del lavoro - TrentoHa ripreso vita – con la cerimonia di questa mattina a palazzo Trentini – la consuetudine della Presidenza del Consiglio provinciale di Trento di offrire un pubblico riconoscimento ai maestri del lavoro trentini.

Il presidente Walter Kaswalder ha calorosamente accolto la pattuglia che in sala Aurora ha fatto un po’ da avanguardia dei 228 che attualmente si fregiano di questa onorificenza, assegnata direttamente dal presidente della Repubblica il primo di maggio.

Al Trentino spettano 9 nomine all’anno e nel 2019 è toccato a Sergio Balbinot, Alberto Bridi, Laura Corradini, Ivan Erlicher, Raffaele Marini,Clara Mazzucchi, Sergio Pecoraro, Claudio Rossi e Tiziana Odorizzi vedersi riconosciuto il particolare percorso professionale che ha permesso loro di crescere in carriera per ruolo e responsabilità. Oggi questi nuovi maestri del lavoro sono stati elogiati dal presidente del Consiglio provinciale, che ha loro consegnato un volume sulle bellezze del Trentino.

Trento - Walter Kaswalder - console Sergio SevignanoIl console provinciale dei maestri del lavoro, Renzo Sevignani, è stato al fianco del presidente Walter Kaswalder anche nella consegna delle belle targhe consiliari alle stelle al merito.

Giuseppe Cazzolli, Cesare Chierzi e Gabriele Gasperi l’hanno ottenuta per i 25 anni dalla nomina a maestri del lavoro; Giuseppe Bertoldi, Vittorio Casagranda e Gianfranco Ghisi per i 30 anni; Annamaria Motter per i 35 anni, infine Armando Dallemule per gli straordinari 40 anni (fu nominato Maestro del lavoro nel lontano 1979).



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136