Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Riva del Garda, festa per i 100 anni di Lina Ferraglia

domenica, 24 novembre 2019

Riva del Garda - Grande festa in via Rosmini nella casa di Lina Ferraglia, classe 1919, per il suo centesimo compleanno. Tra gli ospiti, anche l’assessore Alessio Zanoni,che alla neo centenaria ha portato l’omaggio di un mazzo di fiori con un biglietto d’auguri firmato dal sindaco Adalberto Mosaner e l’abbraccio ideale di tutta la città.

feNata a San Secondo Parmense il 23 novembre del 1919, prima di quattro figli di Paride e Gioconda, a 10 anni è arrivata assieme alla famiglia a Riva del Garda, dove il padre, impiegato all’Enel, si è trasferito per lavoro. Ha vissuto prima in via Concordia, poi in viale Dante, quindi dal 1971 nella casa attuale.

In tutta la città è nota per la sua abilità di sarta per donna, lavoro che ha svolto con passione dall’età di 15 anni, quando ha frequentato i primi corsi, fino a pochissimi anni fa. Generazioni di rivane si sono rivolte a lei non solo per gli abiti quotidiani, ma anche per vestiti da sera e da sposa, con i quali ha pure vinto dei premi importanti.

Vivace, presente e in ottima salute, Lina Ferraglia ha un carattere forte e una indole autonoma e indipendente, che ritiene siano i segreti della sua vita così lunga (per scelta convinta non si è mai sposata), assieme alla particolare predilezione per la lucanica accompagnata dal pane e da un bicchiere di vino. È molto legata ai numerosi nipoti e pronipoti, per i quali Lina è una «zia-mamma».

Lina ha gradito moltissimo la festa, che ha onorato con una bella fetta di torta e un calice di spumante, e la visita dell’assessore, che ha accolto con un grande sorriso.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136