Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Alto Adige, maltempo: 300 interventi, strade chiuse e 7600 utenze senza corrente

venerdì, 15 novembre 2019

Val Badia – Maltempo: 300 interventi, strade chiuse e 7600 utenze senza corrente. In Val Badia quasi tutte le strade secondarie sono bloccate, 7600 utenze senza corrente, 115 corpi dei vigili del fuoco volontari impegnati in centinaia di interventi.

Oggi pomeriggio, nel corso di un intervento, un’autopompa dei vigili del fuoco della frazione di Albions nel Comune di Laion è uscita di strada. Nell’incidente due pompieri sono rimasti leggermente feriti ed un terzo ha riportato ferite di media entità. Sono stati soccorsi sul posto dal servizio d’emergenza e ricoverati in ospedale.

“Le strade secondarie sono quasi tutte bloccate – riassume il vicecomandante e coordinatore del Centro funzionale provinciale, Andrea Lazzarotto – ad esempio non sono raggiungibili la Val Badia, la Val Senales e la Val Martello, la Valle dei Molini e la Val di Riva (Raintal). La strada da Fontanefredde a Trodena è chiusa, così come la Val Pusteria a partire dalla località di Prato alla Drava.

Intenso lavoro da parte di tutti gli operatori coinvolti

115 corpi dei vigili del fuoco volontari hanno effettuato nelle ultime 12 ore oltre 300 interventi; 7600 utenze sono senza corrente elettrica, la maggior parte nel Comune di Castelrotto.

450 lavoratori del Servizio strade, tutte le squadre delle società distributrici di energia e diversi altri servizi della Provincia e dei Comuni operano senza sosta. Le strutture dei vigili del fuoco volontari vengono utilizzate dalla popolazione nelle località dove non vi è la corrente elettrica e le reti telefoniche sono fuori servizio. Da mezzogiorno di oggi è stata attivata la Centrale provinciale di intervento dei vigili del fuoco volontari, sono state attivate anche le centrali comprensoriali della Bassa Val Pusteria, della Val d’Isarco, Merano e Bolzano. La popolazione viene sconsigliata dall’utilizzo dei mezzi privati.

Nel corso del pomeriggio i vigili del foco permanenti e quelli volontari hanno dovuto accompagnare 48 bambini ed i loro insegnanti dalla loro scuola sul Colle sino al capoluogo a causa delle difficili condizioni della strada.

L’assessore provinciale competente per la Protezione civile, Arnold Schuler, ha fatto un sopralluogo al Centro operativo ed ha sottolineato “è questo il centro nevralgico dove confluiscono tutte le informazioni provenienti dal territorio provinciale e grazie a questo impegno la situazione viene tenuta sotto controllo”.

Nella notte miglioramento a partire dalla Val Venosta

Secondo Dieter Peterlin, del servizio meteorologico provinciale, sono in atto forti precipitazioni, la parte del territorio provinciale più colpita è quella orientale. Nel corso della notte è previsto un calo del maltempo a partire dalla Val Venosta.

Kompatscher in Pusteria: “Cittadini, massima cautela”

Sopralluogo Kompatscher Maltempo Val Pusteria© -(Foto ASPDominik HolzerLe precipitazioni non danno tregua. Sopralluogo in Pusteria del presidente Arno Kompatscher, appello alla popolazione: “Massima cautela”. Lodi ai soccorritori (Sopralluogo del presidente Kompatscher © foto  ASP Dominik-Holzer)

Le precipitazioni nevose non si attenuano e la situazione resta di massima allerta, specialmente della parte occidentale della provincia. Il presidente della Provincia Arno Kompatscher ha svolto ogg un sopralluogo nelle zone colpite dal maltempo e in particolare in val Pusteria insieme ai vigili del fuoco volontari di Brunico, Perca, San Lorenzo di Sebato e con il corpo comprensoriale della val Pusteria.

Rimanere in casa e ridurre al minimo l’uso di elettricità

Alle cittadine e ai cittadini si è rivolto l’appello del presidente Kompatscher: “Non sottovalutate la situazione, attenetevi alle indicazioni dei soccorritori e cercate di ridurre al minimo gli spostamenti”. Fra le misure di sicurezza da seguire anche quella di utilizzare la minor quantità possibile di energia elettrica. Questi comportamenti sono decisivi non solo per la propria sicurezza: “E’ fondamentale adottare comportamenti che agevolino gli interventi delle forze dell’ordine. Dunque comportarsi in modo ragionato in questa situazione di emergenza è un gesto di solidarietà verso tutti” ha sottolineato Kompatscher.

Lodi all’impegno eccezionale dei soccorritori

Il presidente Kompatscher ha tenuto a manifestare il proprio ringraziamento personale e il proprio rispetto nei confronti del lavoro dei soccorritori: “E’ impressionante vedere di cosa è in grado la Protezione civile nella nostra provincia. Personale permanente e volontario lavorano in squadra con risultati eccellenti. Per questo impegno straordinario voglio ringraziare tutti i volontari impegnati in questi momenti: le molte ore svolte al servizio della collettività non hanno prezzo”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136