Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Vezza d’Oglio, in 4200 alla Caspolada. Bertolini: “Un grande evento”

sabato, 27 gennaio 2018

Vezza d’Oglio – Una Caspolada al Chiaro di Luna da record quella che si è tenuta in serata a Vezza d’Oglio (Brescia), che ha visto al via più di 4200 persone, che si sono ritrovate poco dopo le 18 in piazza IV Luglio prima di iniziare il loro cammino.

Lo spettacolo che ha preceduto la Caspolada al Chiaro di Luna ha visto le gemelle Laura e Silvia Squizzato, inviate de “I Fatti Vostri”, contenitore quotidiano di Rai2 condotto da Giancarlo Magalli, e sul palco si sono alternati il vicepresidente del Consorzio PontediLegno-Tonale, Michele Bertolini (video sotto), gli amministratori, in primis il sindaco di Vezza d’Oglio, Giovanni Maria Rizzi, quindi il presidente della Provincia, Pierluigi Mottinelli, il presidente della Comunità Montana Valle Camonica, Oliviero Valzelli, i rappresentanti del comitato organizzatore e delle associazione del paese camuno e i gruppi più numerosi.

Le gemelle Squizzato hanno invitato sul palco il gruppo di Travagliato (Brescia), presenti in 126, quindi il gruppo Avis Sarnico- Sebino e il gruppo giovani dell’unità pastorale di Ome.

Il primo cittadino, Giovanni Maria Rizzi ha ricordato il successo dell’evento che “questo’anno raggiunge la maggiore età (18^ edizione) e che è tra le più importanti delle località alpine“. I numeri confermano l’interesse per la manifestazione. La sicurezza è stata garantita da oltre 300 volontari e dalle forze dell’ordine, in particolare carabinieri della locale stazione e dell’Alta Valle Camonica, vigili del fuoco del distaccamento di Vezza d’Oglio, polizia provinciale e polizia locale.

Il percorso della Caspolada al Chiaro di Luna è stato quello tradizionale: indossando le racchette da neve (in dialetto caspe o caspole), i partecipanti hanno passeggiato su un percorso completamente innevato di circa 9 chilometri, che ha preso il via dal centro storico del paese, per poi snodarsi lungo il fondovalle, attraverso le bellissime pinete che circondano l’abitato.

Centinaia di partecipanti hanno preferito un percorso ridotto della lunghezza di circa 6 chilometri. Bevande calde e prodotti tipici locali sono stati distribuiti a tutti i partecipanti presso i ristori allestiti lungo il percorso. Al termine al Centro Eventi Adamello, cena, premiazioni e una serata conviviale.

VIDEO

 



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136