Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Valle Camonica: i finanzieri di Pisogne scoprono 20 lavoratori senza contratto in due mesi

venerdì, 11 marzo 2016

Pisogne – Contrasto al “lavoro sommerso”: scoperti in Valle Camonica 20 lavoratori senza contratto in meno di due mesi.

È questo il bilancio di una serie di attività ispettive, condotte dai finanzieri della Tenenza di Pisogne (Brescia), a tutela dell’economia legale. Il quadro tratteggiato dalle fiamme gialle pisognesi, tra gennaio e febbraio, sorprende nei numeri, visto che su 16 interventi, ben 11 si sono conclusi con la maxi-sanzione di cui all’art. 3 del D.L. n. 12/2002, poiché è stata accertata la presenza di lavoratori irregolari o, come si dice in gergo, in nero, totalmente sconosciuti al Fisco ed all’Inps, con conseguente evasione di contributi assistenziali, previdenziali e di ritenute Irpef. In particolare, presso le 11 aziende ispezionate, sono emerse ben 20 lavoratori che, senza contratto, erano impegnati a svolgere svariate mansioni all’interno dei locali.

Le maxi-sanzioni conseguenti a tali violazioni sono davvero pesanti, visto che – ad esempio – in caso di impiego per un periodo fino a 30 giorni effettivi di lavoro, la sanzione va da 1500 a 9000 euro per ciascun lavoratore irregolare, salvo poi ottenere uno “sconto” in caso di regolarizzazione del rapporto di lavoro.

Da sottolineare che, ai sensi dell’art. 14 del D.Lgs. n. 81/2008, è prevista anche la sospensione dell’attività imprenditoriale quando i lavoratori in nero sono superiori al 20% della forza lavoro, o in caso di gravi e reiterate violazioni in materia di tutela e sicurezza sul lavoro.

L’economia sommersa rappresenta una pericolosa minaccia per gli imprenditori che quotidianamente, e con sacrifici, contribuiscono lecitamente allo sviluppo del nostro Paese. Si traduce, infatti, in una concorrenza sleale che pone fuori mercato le imprese oneste, nello sfruttamento dei lavoratori e in un rilevante danno per l’Erario. Per tale ragione il contrasto al lavoro nero costituisce uno tra i principali obiettivi dell’azione ispettiva svolta dalla Guardia di Finanza.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136