QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Valle Camonica: dopo il caos traffico, l’Amministrazione di Edolo pensa a un’iniziativa

giovedì, 14 dicembre 2017

Edolo – La questione-traffico sulla statale 42, dopo le code di giovedì scorso verso l’Alta Valle Camonica, e il rientro da incubo per migliaia di camuni e turisti di domenica pomeriggio scatena di nuovo il dibattito tra politici e amministratori. A stupire e far infuriare gli automobilisti è stata l’assoluta mancanza di gestione di un’emergenza che si è protratta senza alcuna contromisura da parte di amministratori e forze dell’ordine. Edolo, essendo centro e passaggio obbligato sia sulla statale 42 del Tonale che sulla statale 39 di Aprica, si fa carico di promuovere un’iniziativa forte.

Domenica pomeriggio e sera, nel caos generale, gli automobilisti in transito sulla statale 42 hanno visto un solo vigile, al ponte sull’Oglio di Edolo, nei quasi 30 chilometri – di auto incolonnate (e ferme) – che separano Ponte di Legno e Malonno. Un interrogativo che in tanti si chiedono: “Gli altri vigili, così solerti quando c’è da sanzionare, dov’erano?“. La questione statale 42 coinvolge inevitabilmente anche la Prefettura di Brescia (nella foto la coda di domenica scorsa sui tornanti della statale 42 sui tornanti dopo la località Iscla).Neve località Iscla 1

L’Amministrazione comunale guidata da Luca Masneri sta affrontando il problema traffico sulla statale del Tonale e chiede il coinvolgimento di tutti gli enti locali, da Ponte di Legno e Berzo Demo, oltre alle forze dell’ordine per evitare che gli effetti del traffico siano solo su Edolo. “Ho già chiesto un approfondimento – spiega il primo cittadino Masneri – affinché nelle imminenti  festività natalizie non si ripeta una situazione simile. Edolo non può risolvere da sola i problemi, deve esserci la collaborazione di tutti“.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136