Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Svincolo di Vione, sbloccato il finanziamento: in primavera l’avvio dei lavori

lunedì, 19 febbraio 2018

Vione - Sulla strada Statale 42, in località Lissidini di Vione (Brescia), si presenta da tempo una situazione critica per l’ingresso in alta valle che necessita di interventi per la sua messa in sicurezza.

Per questo il presidente della Provincia di Brescia, Pier Luigi Mottinelli, si è attivato, sollecitando ANAS, affinché fosse riqualificato quell’innesto pericoloso, interloquendo con il presidente Gianni Armani e con il Capo Compartimento Nord Ovest, Dino Vurro.

mottinelliSi tratta di una strada intercomunale – ha dichiarato Mottinelli importante per accedere al comprensorio alpino di Temù, Ponte di Legno e Tonale. La Provincia, Casa dei Comuni, accolte le istanze che giungevano dai sindaci di quella zona, si è subito interessata per favorire questo intervento, importante per la viabilità dell’alta Valle Camonica, tenendo anche conto del notevole flusso di traffico invernale dovuto al demanio sciabile”.

Come ha comunicato Vurro, è di oggi la conferma che a Roma hanno sbloccato il finanziamento destinato allo svincolo di Lissidini e ora partiranno le procedure per la gara. “Nei prossimi giorni – ha precisato Vurrosarà definita a Milano la gara d’appalto ed entro due mesi ci sarà l’aggiudicatoria e i lavori potranno iniziare”.

Soddisfatto il sindaco di Vione Mauro Testini: “E’ un intervento auspicato da anni. Grazie all’interessamento della Provincia potremo mettere in sicurezza quello che io definisco un punto nero, un incrocio pericoloso, in curva e su livelli diversi che creano molti problemi a chi transita. Inoltre quel tratto di strada, in inverno, è regolarmente ghiacciato. Il Comune di Vione si è occupato della stesura del progetto; ora ANAS gestirà l’appalto e finanzierà la riqualificazione dell’innesto”.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136