Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Scontro sulla riperimetrazione del Parco dell’Adamello, la questione in Commissione regionale: ipotesi referendum?

mercoledì, 30 marzo 2016

Milano – La Commissione Agricoltura, montagna, foreste e parchi, presieduta da Alberto Cavalli (Forza Italia), si è occupata, oggi, in audizione, della proposta di modifica dei confini del parco naturale dell’Adamello avanzata dal Comune di Breno (Brescia) e dalla Comunità Montana di Valle Camonica. L’audizione era stata richiesta dalla Consigliere Donatella Martinazzoli (Lega Nord, foto sotto) e dal Consigliere Alessandro Sala (Lista Maroni). Alcune associazioni ambientaliste contestano al Comune di Breno la richiesta di riduzione di 102 ettari del Parco dell’Adamello che avrebbe gravi conseguenze sia su alcune specie protette presenti sia su alcuni monumenti naturalistici, come i coni granitici di Monte Asino di Bazenina.martinazzoli 1

Erano presenti il sindaco di Breno, Sandro Farisoglio, i rappresentanti della Comunità Montana e altre associazioni di categoria. I tecnici della Regione, in precedenza, si erano già espressi sulla richiesta di ridefinizione dei confini del Parco, giudicandola improcedibile, essendo l’area da stralciare compresa nella riserva naturale, ritenuta sito d’interesse comunitario. Secondo Sala “la soluzione è un referendum per sentire dai cittadini cosa ne pensano”. Per la Consigliere Martinazzoli “lo scopo dell’audizione era quello di mettere attorno a un tavolo le diverse parti e creare un’occasione di confronto con la struttura dell’assessorato all’Ambiente”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136