Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Sanità, Spedali Civili di Brescia riconosciuti come centro regionale fibrosi cistica. Rolfi: “Riconosciuta l’importanza”

lunedì, 20 marzo 2017

Brescia – Approvata Delibera di Giunta Regionale recante come oggetto ‘approvazione delle linee d’indirizzo e criteri per l’organizzazione del centro regionale specializzato di riferimento di supporto per la fibrosi cistica.’ Nel merito è intervenuto il Presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia, Fabio Rolfi.

Fabio Rolfi“La fibrosi cistica – spiega Rolfi – rappresenta una malattia grave e progressiva, che colpisce in particolare i bambini e il nostro ospedale, con il suo centro supporto e di ricerca, ha assunto sempre maggiore importanza in questo delicato ambito nel corso del tempo. Con la delibera approvata oggi Regione Lombardia sottolinea il ruolo dell’ASST Spedali Civili di Brescia come centro di riferimento regionale per la fibrosi cistica, insieme alla Fondazione Ca’ Granda di Milano, chiedendo loro di presentare, entro il 31 aprile, un programma di sviluppo organizzativo e gestionale dei rispettivi centri per la cura e la ricerca su questa malattia.

Si tratta di un importante riconoscimento, che ne certifica la considerazione e l’importanza a livello regionale e nazionale ricoperta dal nostro ospedale cittadino. Il Civile riveste infatti un ruolo fondamentale e rappresenta un riferimento reale ormai per molte specialità.

Per l’ennesima volta la polemica pretestuosa, portata avanti dall’opposizione, su un suo possibile declassamento a seguito dell’attuazione della riforma della Sanità – conclude l’esponente regionale della Lega Nord – viene apertamente smentita dai fatti.”


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136