Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Riva Acciaio in Valle Camonica, saltato il decreto Zanonato. L’ira dei sindacati

sabato, 21 settembre 2013

Cerveno – Il ministro dello Sviluppo Flavio Zanonato, al termine dell’incontro con i Riva e il custode giudiziario, ha affermato che il gruppo Riva “chiederà al giudice per le indagini preliminari di poter disporre delle somme sequestrate per poter riavviare l’attività produttiva”. Nessun decreto ad hoc dunque, ma le prossime ore saranno decisive per capire se esistono possibilità per la ripresa della produzione nella prossima settimana. manifestazione breno

Il decreto avrebbe dovuto permettere al custode di utilizzare i fondi, ma ora la strada scelta sembra un’altra: tutto passa per le aule dei tribunali. E’ necessaria la revoca del provvedimento del gip e il dissequestro dei beni dei Riva. Delusi i lavoratori, illusi dalle parole di Zanonato che aveva promesso il decreto. Gli operai restano in presidio permanente, per martedì prossimo è prevista una nuova manifestazione in tutti gli stabilimenti Riva Acciaio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136