Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Regione Lombardia, cerimonia di ‘passaggio del testimone’ tra Maroni e Fontana: “Subito al lavoro”

martedì, 27 marzo 2018

Milano – “E’ un onore e un piacere ricevere il testimone dalle mani di Roberto Maroni che e’ un amico ultra quarantennale. So di poter raccogliere un testimone da chi ha ben operato negli ultimi cinque anni, mi lascia una situazione piu’ facile da gestire perche’ le cose gia’ funzionano molto bene”.

maroni fontanaPASSAGGIO DEL TESTIMONE – Cosi’ il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, oggi intervenuto alla cerimonia di ‘passaggio del testimone’ con il presidente uscente Roberto Maroni.

In un’affollata Sala Biagi, il presidente Fontana ha commentato con ironia il ‘testimone’ ricevuto da Roberto Maroni, un articolato dossier relativo alle questioni piu’ urgenti da affrontare.

SUBITO AL LAVORO – “Non mi lascia tempo – ha chiosato Fontana – perche’ mi dice subito che devo incominciare a lavorare ma ‘Al lavoro’ era lo slogan della mia campagna elettorale, quindi lo prendo in parola”.

COMPOSIZIONE GIUNTA QUASI DEFINITA – “Siamo contenti di aver chiuso anche questa prima fase dei compiti e delle competenze – ha aggiunto il presidente Fontana – e la giunta e’ praticamente quasi definita, si tratta soltanto di sistemare alcuni dettagli”.

CON RIFORMA AUTONOMIA GESTIONE DIRETTA DEL TERRITORIO – “Speriamo di riuscire a continuare l’ottimo lavoro di chi mi ha preceduto – ha continuato – e soprattutto speriamo che si realizzi la riforma dell’Autonomia che per noi vuol dire realizzare quella possibilita’ di gestione diretta del territorio che sta alla base della nostra attivita’ politica”.

NUOVO GOVERNO SIA SENSIBILE A PROBLEMI DEI TERRITORI – “Confidiamo in un governo rapido – ha proseguito riferendosi alla composizione dell’Esecutivo nazionale – e sensibile ai problemi dei territori e dell’Autonomia. Questo garantirebbe maggiore velocita’, altrimenti la riforma comunque si fara’ perche’ dopo il referendum del presidente Maroni indietro non si potra’ ne’ si dovra’ tornare”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136