Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Premio Bulloni, riconoscimento a Pamela Cappellazzi di Berzo Inferiore

venerdì, 15 dicembre 2017

Brescia -  Nel pomeriggio, all’auditorium San Barnaba di Brescia, si terrà la tradizionale cerimonia di consegna delle onorificenze, del “Premio Bulloni” per riconoscere quanti si sono distinti durante l’anno in generosità. Al Comune di Brescia, promotore del premio intitolato alla memoria dell’avvocato Pietro Bulloni, sono arrivate 33 segnalazioni che, come da regolamento, sono pervenute da singoli cittadini e associazioni. Oggi alle 18 la cerimonia di consegna dei riconoscimenti a tredici persone, di cui sette donne.

Cappellazzi-Squazzoni

Il “Premio Bulloni” verrà conferito a Serafina Medaglia e Tiziana Bonomi che a Lumezzane, attraverso la cooperativa”Il Mosaico”, si occupano di accoglienza dei migranti. Poi riconoscimenti a Rossella Micheli, Sergio Paterlini, Mariagrazia Valtulini, Renata Bonetti Bonomi e a suor Daniela Giorgi.

Il Premio Beretta verrà consegnato a Pamela Cappellazzi (a sinistra nella foto) di Berzo Inferiore per l’aiuto a genitori e ragazzi sui disturbi dell’apprendimento. Insegnante, 48 anni, sta dedicando la vita all’approfondimento dei Disturbi specifici di apprendimento, insegnando ai ragazzi con difficoltà e nel 2012 ha fondato la cooperativa Assolo, che si occupa dell’assistenza ai ragazzi con disturbi d’apprendimento, di doposcuola e campus estivi e laboratori per disabili.

Altri premi sono la Medaglia d’Oro che saranno assegnanti alla classe 4^C dell’elementare “Soggetti” di Sarezzo, alla Fondazione a capo del Castello di Padernello e alla 3^A dello Sraffa di Brescia. Il Grosso d’Oro sarà assegnato a Giuseppe Pezzotti di Gardone Valtrompia, Angelo Blesio a Flero e all’infermiera Marisa Romano.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136