QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Ponte di Legno, torna al Comune il servizio riscossione tributi. La minoranza pone quesiti sulle modalità

martedì, 16 gennaio 2018

Ponte di Legno – Da quest’anno il Comune di Ponte di Legno punta ad avocare a sé la riscossione dei tributi. Il Comune dell’Alta Valle Camonica, al pari di altri enti locali, punta sull’internalizzazione del servizio di accertamento e riscossione. Il ruolo di “esattore” verrà esercitato dal 2018 in proprio. Il provvedimento è stato adottato nell’ultimo Consiglio comunale, con il voto favorevole della maggioranza e l’astensione della minoranza. Ponte_di_legno_municipio

Il consigliere comunale di minoranza, Mario Rizzi, ha posto alcuni quesiti sul provvedimento, oltre sulle modalità con le quali si è arrivati alla sua adozione: “Optare per la riscossione diretta solitamente sottintende volontà di applicare condizioni più favorevoli per il contribuente in difficoltà, rispetto a quelle della temutissima Agenzia delle Entrate. Per Ponte di Legno il contribuente potrà beneficiare della rottamazione, delle rateazioni, se in possesso dei requisiti richiesti?“. Secondo Rizzi “occorre l’adozione a priori di un regolamento uguale per tutti“.

Penalizzati – prosegue il consigliere comunale – potrebbero essere i proprietari delle seconde case (aliquote massime) con riflessi negativi sull’economia basata prevalentemente sul turismo, penalizzati anche i contribuenti che a fatica cercano di mettersi in regola“.

In questi anni di difficoltà economiche – conclude Mario Rizzi - tutti i contribuenti hanno revisionato le spese, come minoranza crediamo sia giunto il momento di eliminare le opere inutili al fine di contenere i costi ed evitare di continuare a spremere i cittadini come un limone. In sostanza sarebbe urgente una revisione delle spese, al fine di ridurre drasticamente tariffe, tributi e gabelle“.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136