Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Paspardo e Cimbergo uniscono le forze, De Pedro: “Migliori servizi a costi minori”

giovedì, 30 novembre 2017

Paspardo – Rinasce l’Unione, questa volta a due tra i Comuni di Paspardo e Cimbergo. Ieri sera, dopo la nomina di un terzo consigliere da parte del Comune di Paspardo, si è tenuta l’assemblea che ha avviato il nuovo “corso” tra i due enti locali. E’ stato eletto il presidente dell’assemblea, Fabio De Pedro, sindaco di Paspardo, e nella prossima settimana sarà definito il nuovo regolamento, con gli adempimenti amministrativi.

“C’è una forte volontà da parte dei due Comuni – spiega il neo presidente dell’assemblea – di proseguire l’esperienza di Unione perché oggi dobbiamo garantire migliori servizi a minori costi per gli enti locali e questo si può realizzare solo mettendo insieme le forze” (nella foto l’assemblea dell’Unione Cimbergo-Paspardo).Paspardo Cimbergo 1

Il neo presidente dell’assemblea dell’Unione, che sarà chiamata Unione Lombarda di Cimbergo e Paspardo, guarda al futuro e lascia alle spalle l’esperienza a tre (con il Comune di Ceto), senza alcuna polemica. “Noi guardiamo avanti – prosegue Fabio De Pedro – e l’obiettivo di garantire migliori servizi sarà presto centrato dall’Unione tra Cimbergo e Paspardo”.

Ieri erano presenti Fabio De Pedro (sindaco di Paspardo), Giambettino Polonioli (sindaco di Cimbergo), i consiglieri comunali nominati dai due Comuni nell’assemblea e il segretario comunale. I due primi cittadini, Fabio De Pedro (Paspardo) e Giambettino Polonioli (Cimbergo) si sono battuti per evitare lo scioglimento e l’uscita di Ceto.

I prossimi passi saranno quelli di approvare il DUP, documento unico programmatico, oltre agli equilibri di bilancio, quindi saranno avviati interventi su alcuni servizi, ad esempio rifiuti, Imu e Tasi, che potrebbero essere gestiti dall’Unione, mentre in prospettiva potrebbero essere avviate iniziative comuni su turismo e manifestazioni.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136