Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Parchi e musei della Valle Camonica: cresce la presenza delle scolaresche e l’interesse dei turisti

sabato, 17 maggio 2014

Ceto –  La Valle Camonica, e in particolare il Museo e la Riserva naturale incisioni rupestri, hanno registrato una grande attenzione da parte dei turisti. I dati sull’attività ne sono una conferma: complessivamente i parchi Unesco della Valle Camonica hanno accolto 58.950 visitatori nel 2013, con un calo sul 2012 di oltre tremila unità.DarfoeBassaValleCamonica

Il periodo di maggior frequenza è tra aprile e maggio, con le visite didattiche delle scolaresche, seguito poi da agosto e settembre con i turisti. Oltre alle scolaresche si registra anche una presenza di stranieri, in particolare inglesi, tedeschi, francesi e olandesi. La Riserva naturale Incisioni rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo è l’unico a registrare il segno positivo,. mentre gli altri sono in flessione sull’anno precedente: Parco di Naquane -7,8%, Parco dei Massi di Cemmo – 1,1%, Parco di Seradina -2,5%. Soddisfatti i responsabili delle strutture, che puntano a inserire l’area della media Valle Camonica tra le iniziative di Expo 2015.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136