Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Ono San Pietro: uccise i due figli, confermato in Cassazione l’ergastolo per Iacovone

giovedì, 13 aprile 2017

Ono San Pietro – E’ definitiva la pena all’ergastolo per Pasquale Iacovone, ritenuto colpevole della morte dei figli Davide e Andrea, avvenuta la mattina del 16 luglio 2013 a Ono San Pietro (Brescia).

È stato confermato l’ergastolo anche in Cassazione per Pasquale Iacovone (nella foto). L’omicidio di Davide e Andrea era avvenuto nell’abitazione di via Scadur a Ono: l’uomo aveva prima soffocato e poi bruciato i bambini, rimanendo coinvolto e ustionato su parte del corpo. Arrestato poco dopo dai carabinieri con l’accusa di duplice omicidio volontario. La prima sentenza nel gennaio 2014 con la condanna all’ergastolo, in Corte d’Assise d’Appello un anno dopo era stata confermata la condanna e ieri la Cassazione ha confermato la massima pena.pasquale iacovone

A Roma era presente la mamma dei due bambini, Erica Patti, insieme al compagno Francesco e alla nonna Cati e alla lettura della sentenza ha un urlato un grido di soddisfazione e postato su Facebook un commento. “Giustizia è fatta”, Invece il legale di Iacovone, l’avvocato Gerardo Milani, attenderà le motivazioni della sentenza, che saranno pubblicate entro 30 giorni, e sulla base delle motivazioni deciderà su un ricorso alla Corte di giustizia europea.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136