Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Meteo, settimana variabile: pioggia e neve con un rialzo termico sulle Alpi

martedì, 6 marzo 2018

Il mese di marzo tradizionalmente stacca l’inverno meteorologico dall’arrivo della stagione primaverile: anche quest’anno secondo gli esperti sarà così ma il passaggio sarà graduale. Questa settimana sarà infatti contrassegnata da una serie di perturbazioni. La prima tra oggi e domani sarà di debole intensità sulle Alpi, dove tornerà la neve in media sopra i 1000 metri, in base alla zona. Giovedì e venerdì il sole sarà protagonista, nel weekend un’intensa perturbazione sarà associata al maltempo: neve abbondante sopra i 1700 metri sulle Alpi.

PREVISIONI METEO ED ALLERTA IN LOMBARDIA
La Sala operativa della Protezione civile della Regione Lombardia, la cui attivita’ e’ coordinata dall’assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali, ha emesso una comunicazione di ordinaria criticita’ (codice giallo) per rischio neve dalla mezzanotte sulle zone omogenee NV-01 (Valchiavenna, provincia di Sondrio), NV-02 (Medi a-Bassa Valtellina, provincia di Sondrio), NV-03 (Alta Valtellina, provincia di Sondrio), NV-04 (Prealpi varesine, provincia di Varese), NV-05 (Prealpi comasche e lecchesi, province di Como e Lecco), NV-06 (Prealpi bergamasche, provincia di Bergamo), NV-07 (Valcamonica, provincia di Brescia), NV-08 (Prealpi bresciane, provincia di Brescia) e NV-20 (Appenino pavese, provincia di Pavia).

IL METEO – Transito di un fronte freddo da ovest con precipitazioni diffuse e fase piu’ intensa tra la tarda mattinata e il pomeriggio di domani, mercoledi’ 7 marzo. Le nevicate interesseranno tutte Alpi e Prealpi, risultando copiose oltre gli 800 metri, con quota in calo nel corso della giornata partendo dai settori occidentali, fino a 600 metri circa. Locali sconfinamenti fino a 500 metri durante le ore centrali su Orobie, Valcamonica e Valtellina, ma senza accumuli importanti al di sotto dei 600 metri. Tra 600 e 1200 metri possibili accumuli fino a 10-15 centimetri tra media-bassa Valtellina, Orobie e Valcamonica. Su Appennino quota neve in calo fino a 800 metri. ma con accumuli poco significativi. Giovedi’ 8 marzo, previsto flusso occidentale, ma con assenza di fenomeni ovunque, al piu’ bassa probabilita’ di isolati fiocchi di neve lungo i crinali di confine tra Valchiavenna e alta Valtellina nella seconda parte della giornata.

EFFETTI AL SUOLO – Le problematiche principali per rischio neve possono essere legate soprattutto a difficolta’ e rallentamenti del traffico stradale oltre le quote segnalate. Si chiede pertanto ai sistemi locali di protezione civile di attivare una fase operativa di attenzione, cioe’ di predisporre il sistema locale alla pronta attivazione di azioni di contrasto in caso di necessita’, congruenti a quanto previsto nella pianificazione di emergenza, per la sicurezza della circolazione del traffico sulle strade e la riduzione dei rischi connessi.

INDICAZIONI OPERATIVE – La Sala operativa chiede di segnalare con tempestivita’ eventuali criticita’ che dovessero presentarsi sul proprio territorio in conseguenza del verificarsi dei fenomeni previsti, telefonando al numero verde della Sala operativa di Protezione civile regionale: 800.061.160 o via mail all’indirizzo cfmr@protezionecivile.regione.lombardia.it.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136