Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Maxi Esercitazione a Passo Paradiso di Finanza e Soccorso Alpino

mercoledì, 11 settembre 2019

Passo Tonale – “E’ uno strumento importante per gli interventi di ricerca in montagna. Oggi abbiamo visto che il suo utilizzo è fondamentale nella tempististica dei soccorsi e per salvare vite umane“. Così Luca Masneri sindaco di Edolo ha commentato al termine dell’intervento di maxi esercitazione a Passo Paradiso e Cresta Monticelli di Sagf (Soccorso Alpino Guardia di Finanza) e Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico. Soddisfatti dei risultati della maxi esercitazione sia i vertici del Sagf e Soccorso Alpino (foto e video).

VIDEO

All’esercitazione erano presenti: per il C.N.S.A.S., il presidente Regionale, Gianfranco Comi e il Delegato V Bresciana, Pierangelo Mazzucchelli; per la Guardia di Finanza, il Comandante Interregionale dell’Italia Nord Occidentale, Generale Corpo Armata Giuseppe Vicanolo, il Comandante Regionale Lombardia, Generale D. Piero Burla, il Comandante Provinciale di Brescia, Colonnello t.ST. Salvatore Russo, il Comandante Provinciale di Sondrio, Colonello Antonello Reni e il Comandante della Scuola Alpina di Predazzo, Colonello Stefano Murari; quindi i sindaci di Edolo, Luca Masneri, e di Ponte di Legno, Ivan Faustinelli.

La salvaguardia della vita umana in ambiente montano è stata al centro di un’attività addestrativa congiunta fra la Guardia di Finanza e il Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico in Alta Valle Camonica. Due escursionisti da individuare e trarre in salvo in alta quota.

Questa l’ipotesi operativa alla base dell’attività addestrativa congiunta che ha visto operare, fianco a fianco, gli uomini della Guardia di Finanza e quelli del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico. L’intervento è stato effettuato con strumentazioni sofisticate, già utilizzate sulla valanga a Rigopiano e a Zone per le ricerche persone. In futuro la strumentazione sarà utilizzata per la ricerca di persone in zone montane.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136