Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Guasto alla linea Brescia-Iseo-Edolo, mattinata di disagi per la viabilità in Valle Camonica

giovedì, 7 marzo 2019

Malegno – Mattinata complessa per la viabilità in Valle Camonica, nella zona attorno a Malegno. Un guasto alla linea ferroviaria Brescia-Iseo-Edolo di circa 45 minuti ha causato lunghe code sulla Provinciale 5, sulla Provinciale 345 ed anche sulla Statale 42. Ritardi anche sulla tratta ferroviaria fino a mezz’ora.

Il comune di Malegno è intervenuto subito grazie agli agenti della Polizia Locale, che hanno gestito nel modo migliore possibile il traffico, riaprendo anche il passaggio su Via Sant’Antonio.

L’accaduto di stamane rende urgente intervenire sul passaggio a livello di Via Cava-Via Lanico, che crea danno alla circolazione per l’intera media Valle Camonica. E’ necessario che Ferrovie Nord definisca come prioritario il progetto di bypass tra Sp5 e Brescia-Iseo-Edolo, progettato nel 2017 dal Comune di Malegno. Comprendendo il disagio per gli automobilisti, il Comune di Malegno non ha alcuna colpa relativa all’accaduto (non gestisce le ferrovie), ha attivato subito la polizia locale (presente sul posto dopo pochissimi minuti dall’accaduto). Ha gestito il traffico, ha riaperto subito anche il passaggio su Via Sant’Antonio. Ritenere che la chiusura di Via Sant’Antonio sia la causa di ciò che è accaduto stamattina è tragicomico: come immaginerete, non appena riaperta, si è subito intasata, non essendo idonea a gestire una circolazione da strada provinciale. Il traffico non circolava nemmeno con cia Sant’Antonio aperta, come chi ha un minimo di competenza stradale e di traffico può sapere“, il commento di Paolo Erba, sindaco di Malegno.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136