Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Giallo imprenditore scomparso: Giuseppe Ghirardini morto forse per un’esca di animali selvatici

venerdì, 20 novembre 2015

Ponte di Legno – Il primo responso degli esiti dell’autopsia sul cadavere di Giuseppe Ghirardini, il 50enne, operaio della Bozzoli, trovato cadavere a Case di Viso indica le cause della morte: sarebbe un’esca per animali selvatici, fuori commercio dal 1970, l’oggetto trovato nello stomaco di Giuseppe Ghirardini, l’operaio della Bozzoli di Marcheno morto per avvelenamento da cianuro e ritrovato cadavere a più di cento chilometri da casa. Il veleno era contenuto all’interno dell’oggetto, in un’anima di silicato, che all’esterno sarebbe invece ricoperto da una polvere simile a creta.Ghirardini

Intanto proseguono le indagini per risalire alla scomparsa dell’imprenditore Bozzoli, che è sempre più tinto di giallo. Le indagini della Procura sono a tutto campo e gli esiti dell’autopsia sul cadavere di Ghirardini sono ritenuti fondamentali per chiudere il cerchio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136