Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Esine, corso “Amministrare il Bene Comune” delle Acli. Il programma

giovedì, 8 marzo 2018

Esine – “Amministrare il Bene Comune. L’ABC dell’ente locale”. E’ il titolo del corso di formazione sull’amministrazione dell’ente locale promosso dalle Acli Valcamonica, giunto alla quinta edizione. L’iniziativa, che prenderà il via sabato 24 marzo e si concluderà con un viaggio studio a Roma dal 17 al 19 maggio, ha il sostegno di Provincia di Brescia. Associazione Comuni Bresciani e Comunità Montana di Valle Camonica, oltre naturalmente delle Acli provinciali di Brescia, e avrà come docenti amministratori, funzionari pubblici ed esperti  in gestione di enti locali.

Corso formazione Acli 1Il corso – spiega Giacomo Manganoni, presidente delle Acli Valcamonica – è rivolto a giovani e adulti dai 18 ai 35 anni che vogliono accrescere la propria cultura amministrativa per svolgere un servizio alla comunità“. Le iscrizioni al corso si concluderanno mercoledì 21 marzo, è previsto un numero massimo di 30 iscritti e una quota di iscrizione di 50 euro.

IL PROGRAMMA - La prima lezione del corso “Amministrare il Bene Comune” è in calendario sabato 24 marzo – dalle 9 alle 12 – a Esine presso la RSA Ninj Beccagutti e avrà come tema “I servizi socio sanitari”.

Seguiranno gli appuntamenti, sempre dalle 9 alle 12, del 7 aprile al municipio di Rogno su “Promozione turistica partecipata”; 21 aprile al municipio di Saviore dell’Adamello su “Fondi Odi” e 5 maggio al municipio di Paspardo su “Public spreaking, Comunicare il bene comune”. Il corso si concluderà con un viaggio studio a Roma dal 17 al 19 maggio, con visita a istituzioni civili, realtà associative e organismi ecclesiali. La quota di partecipazione al viaggio studio è di 200 euro.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136