Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Edolo: Università della Montagna sempre più hub culturale per valorizzare i territori montani

mercoledì, 25 maggio 2016

Edolo – Fino al 27 maggio l’Università della Montagna di Edolo (BS) ospita venti studenti del Corso di Laurea Magistrale Interateneo in progettazione delle aree verdi e del paesaggio, che partecipano al workshop dedicato alla valorizzazione, alla tutela e alla progettazione dei paesaggi alpini. Per l’Università della Montagna un’altra conferma che la collaborazione costruttiva e la valorizzazione dei giovani sono le due armi con cui vincere la sfida della sviluppo virtuoso delle montagne del futuro.Università della montagna 1

I ragazzi, accompagnati dalla Prof.ssa Ilda Vagge (Unimi), dal Prof. Gian Battista Bischetti (Unimi), dal Dott. Luca Giupponi (UNIMONT), dal Prof. Gerardo Brancucci (Università di Genova) e dalla Prof.ssa Emilia Garda (Politecnico Torino), avranno così l’opportunità di conoscere le bellezze paesaggistiche della Valle Camonica, e di entrare in contatto con gli studenti del Corso di Laurea in valorizzazione e tutela dell’ambiente e del territorio montano.

Il calendario delle attività prevede sia la partecipazione a seminari tematici e convegni, sia escursioni nei dintorni di Edolo. I partecipanti visiteranno infatti la bellissima Val Grande, nel Parco Nazionale dello Stelvio, e Pezzo, Pirli, Lago di Viso e Case di Viso, e parteciperanno agli incontri:

Ancora una volta, la sede di Edolo, forte del suo impegno per divenire hub culturale sui temi riguardanti le terre alte, si conferma quale importante crocevia delle attività di studio e di ricerca rivolte alle aree montane e, in linea con gli obiettivi dell’Accordo di Programma con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, si apre a collaborazioni con tutte le altre sedi universitarie che condividano i suoi obiettivi, al fine di creare una rete accademica a livello sia nazionale che internazionale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136