Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Edolo: aliquote e tariffe inalterate. Quante opere pubbliche nel 2019

sabato, 16 marzo 2019

Edolo - Pressione fiscale inalterata per le famiglie e tante opere che cambieranno volto a Edolo (Brescia). In sintesi le decisioni adottate ieri sera dal Consiglio comunale di Edolo: sono stati approvati il bilancio di previsione, le aliquote Imu e Tasi e le tariffe Tari per l’anno 2019. Il sindaco Luca Masneri (nella foto) ha indicato le linee portanti del documento finanziario sottolineando: “Abbiamo previsto una serie di opere pubbliche, con attenzione all’intero territorio comunale, intervenendo nelle necessità delle singole frazioni, senza pesare sulle tasche dei cittadini”. Infatti per le 3.200 famiglie edolesi le aliquote Imu e Tasi e le tariffe Tari rimarranno invariate rispetto allo scorso anno, dopo che negli ultimi due anni sono diminuite.

Luca Masneri

Oltre al sindaco Masneri, il documento finanziario è stato illustrato dall’assessore Luca Rivetta, che ha evidenziato le principali voci del bilancio preventivo con le opere previste per l’anno in corso. Su un bilancio di 11 milioni, le spese in conto corrente sono pari a 4.963.954 euro, mentre le spese conto capitale ammontano a 6.126.288 euro.

SPESE LEGALI - Un dato che emerge dal bilancio di previsione è la diminuzione delle spese legali per il contenzioso con Enel che è stato azzerato. In passato erano inseriti a bilancio 25mila euro all’anno per azioni legali, in particolare nei confronti di Enel.

GRANDI OPERE - Sul tema della viabilità sono previsti due importanti passaggi: a maggio si terrà la conferenza dei servizi sull’allargamento della galleria sulla statale 42 del Tonale, a nord di Edolo, in direzione dell’Alta Valle Camonica, mentre a giugno scade il termine per la progettazione definitiva della variante alla statale 42.

SERVIZI - L’Amministrazione comunale di Edolo ha destinato 130mila euro per l’acquisto di una nuova spazzatrice perla pulizia delle strade. E’ inoltre la metanizzazione di Nembra, con una spesa di 350mila euro. In questi giorni sono in corso contatti per accordi bonari con i proprietari di terreni e la fase operativa scatterà ad aprile.

Nel 2019 sarà avviato anche il 1° lotto del depuratore sovracomunale (Edolo-Sonico-Malonno) con una spesa di 4 milioni e 700mila eur0.

A breve con un bando sarà definita la concessione del servizio di illuminazione per la progettazione esecutiva, gestione e manutenzione di interventi di miglioramento dell’efficienza energetica dell’illuminazione pubblica comunale (1 milione e 150mila euro).

PRS - Sono in programma due opere di sistemazione idraulica forestale della Val Finale 600 mila euro e 585 mila euro per la località Mola e Costa. Il 90 per cento delle risorse saranno coperte da Regione Lombardia. Il piano è articolato e punta sulla manutenzione straordinaria delle due aree, eliminando il rischio idrogeologico.

LE OPERE - Tra gli interventi previsti nel bilancio di previsione 2019 spiccano la realizzazione di parcheggi a Mù (130mila euro), di nuove aree verdi in via Gelpi e collegamento con passerella ciclopedonale al percorso lungo il fiume Oglio (340mila euro);  realizzazione di parcheggi nel centro storico di Edolo in via Togni e via Piloni (150mila euro) e abbattimento di fabbricato; nuovo parcheggio in località Sonvico (150mila euro); manutenzione straordinaria campo da calcio e struttura sportiva in via Morino (800mila euro); abbattimento barriere architettoniche sottopasso ferroviaria via Esposito (150mila euro), manutenzione straordinaria della strada “Mola-Lagazzuolo” (300mila euro) e messa in sicurezza via Oglio (670mila euro).

“Siamo orgogliosi di aver predisposto un bilancio con opere che cambieranno volto a Edolo - conclude il sindaco Luca Masneri - senza pesare sulle tasche dei cittadini. Inoltre gli interventi messi in campo negli ultimi anni stanno dando frutti, ad esempio le risorse in entrata da Malga Cadì (500mila euro ndr.) saranno immediatamente destinate alle opere pubbliche”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136