Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Disturbi dell’Alimentazione, l’Asst Valcamonica aderisce alla Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla

martedì, 13 marzo 2018

Breno – Giovedì 15 marzo 2018 si svolgerà la Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla contro i Disturbi dell’Alimentazione; l’iniziativa è promossa dall’ Associazione “Mi Nutro di Vita”, fondata dal padre di una giovane ragazza morta a causa della bulimia.

I Disturbi dell’Alimentazione (tra cui anoressia, bulimia e alimentazione incontrollata) sono problemi complessi dal punto di vista medico, psicologico e nutrizionale, e riducono fortemente la qualità della vita della persone. La loro diffusione è in aumento anche in Valle Camonica, soprattutto tra gli adolescenti e i giovani adulti.

La finalità principale della giornata del Fiocchetto Lilla è sensibilizzare la popolazione, diffondendo conoscenza in merito a questi disturbi e alle possibilità di cura offerte dal Centro Disturbi Alimentazione dell’ASST della Valcamonica.

L’ASST aderisce alla Giornata di giovedì’ 15 marzo con le seguenti iniziative:
✔ punti informazione:
- Ospedale di Esine (ingresso principale) ore 8.00-14.00
- Ospedale di Edolo (ingresso) ore 8.00-12.00,
a disposizione delle persone che desiderano ricevere informazioni e incontrare gli operatori del Centro;
✔ consegna gratuita ai visitatori, agli studenti e agli operatori dell’Azienda del fiocchetto lilla e dell’opuscolo informativo “Disturbi dell’alimentazione: cosa sapere, cosa fare”, pubblicato dall’ASST.

All’interno della Giornata è inoltre prevista la visita del Centro da parte degli studenti e insegnanti dell’ Istituto Tassara-Ghislandi di Breno.

Il Centro Disturbi Alimentazione si trova presso l’Ospedale di Esine ed è
aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 16.30 (previo appuntamento). Tel. 0364 369.670 Il Centro è riconosciuto dal Ministero della Salute come una delle strutture italiane in grado di garantire interventi efficaci ai cittadini affetti da questo problema e ai loro familiari.

E’ aperto alle persone dai 15 anni in avanti e offre un servizio di valutazione e di cura di queste problematiche.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136