QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Darfo Boario: tre arresti dei carabinieri in Valle Camonica, sul Garda catturato un francese

domenica, 8 gennaio 2017

Darfo Boario – L’attività di controllo e prevenzione dei carabinieri del comando provinciale di Brescia e delle diverse compagnie, tra cui quella di Breno, prosegue incessante: 4 arresti negli ultimi giorni.

Anche in questo ultimo scorcio di vacanze natalizie i carabinieri hanno mantenuta alta l’attenzione per consentire ai cittadini di passare serenamente le festività.

I numerosi controlli hanno consentito ai militari della stazione di Breno di rintracciare e assicurare alla giustizia un cittadino italiano destinatario di un provvedimento di cattura, della durata di anni due, per reati legati allo spaccio.
Invece i militari della stazione di Darfo Boario Terme hanno arrestato un cittadino marocchino sorpreso a violare le prescrizioni relative alla detenzione domiciliare cui era sottoposto. L’extracomunitario, approfittando di un impegno personale che lo autorizzava ad uscire dalla propria abitazione, forse felice per la riacquistata libertà, arbitrariamente vi faceva rientro solo a tarda sera non attenendosi così a quanto stabilito dal giudice e commettendo il reato di evasione.
In  media Valle Camonica un arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Protagonisti dell’episodio i militari della stazione di Esine che nelle prime ore dell’Epifania hanno provveduto a fermare un cittadino albanese. L’insolita Befana era pronta a “regalare” circa 20 grammi di cocaina e quasi 800 grammi di marijuana. Nella sua casa anche un bilancino elettronico e materiale vario per il confezionamento delle dosi. Il Gip del tribunale di Brescia, nel convalidare il provvedimento, ha disposto la misura degli arresti domiciliari.
Infine su lago di Garda dove l’Epifania è stata piuttosto movimentata. Nella mattinata in Sirmione nell’ambito dei costanti controlli di prevenzione i militari della locale stazione hanno sottoposto a controllo un cittadino francese risultato destinatario di un mandato d’arresto europeo emesso dalle autorità svizzere ai fini dell’estradizione dovendo scontare 10 anni di reclusione per una rapina in banca commessa in Svizzera. Nella tarda serata sempre del 6 gennaio in Lonato del Garda il pronto intervento del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Desenzano del Garda, supportato nell’occasione anche dalla pattuglia del locale Commissariato di Polizia, ha consentito di interrompere un tentativo di furto in atto ai danni di un deposito di tabacchi. L’arrivo dei militari e l’attivazione dell’allarme antintrusione facevano desistere i malviventi che nella precipitosa fuga abbandonavano sul posto due furgoni, risultati provento di furto, che nelle intenzioni dovevano essere usati per trafugare i tabacchi lavorati da rivendere successivamente al mercato nero.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136