Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Cremignane d’Iseo: il vigneto sotto casa divide

lunedì, 18 marzo 2019

Cremignane d’Iseo - Il vigneto sotto casa, a Cremignane d’Iseo (Brescia) fa discutere. Un volontino sui vigneti della frazione di Cremignane è stato diffuso dal Parco Agricolo della Franciacorta, da Franciacorta Pesticidi e Salute e da Legambiente Basso Sebino

Ecco il testo: “Chi di noi non vorrebbe un vigneto fuori dalle finestre della sua camera da letto? Poter vedere il trascorrere del tempo e il mutare delle stagioni attraverso lo sviluppo di una pianta simbolo di vita e prosperità? Certamente tutti coloro che non hanno l’esatta conoscenza di come viene coltivato un vigneto, e nel caso (emblematico) di Cremignane degli abitanti che potevano sino a ieri godere di un prato coltivato a seminativo.

Il nucleo residenziale di Cremignane è stato oggetto negli ultimi anni di una profonda modificazione colturale che ha visto l’impianto di numerosi vigneti lungo il suo intero perimetro, ma mai un nuovo vigneto si era così avvicinato al suo interno, tra le case e i giochi dei bimbi.

La pianificazione urbanistica manifesta in casi come questo tutti i suoi limiti non riconoscendo i diversi valori ambientali, paesaggistici delle diverse coltivazioni lascia al privato la scelta senza considerare quanto peserà sugli abitanti.

Un nuovo vigneto in Franciacorta è ancora possibile in molto zone, ben più vocate di questa di Cremignane che, tra le altre, essendo al centro di un’area abitata sarà inevitabilmente interessata dalle pesanti ricadute di idrocarburi incombusti del traffico veicolare e degli impianti di riscaldamento.

Ma non si stava andando verso coltivazioni certificate biologiche e ancor meglio biodinamiche? Un futuro diverso che veda la compatibilità tra la presenza delle persone e le vigne è possibile, ma il vigneto al centro di  Cremignane parla un’altra lingua: quella di chi fa prevalere l’interesse particolare su quello collettivo”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136