Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Comunità Montana di Valle Camonica: piano smaltimento carcasse animali

mercoledì, 7 novembre 2018

Breno - La Comunità Montana di Valle Camonica ha approvato un bando con modalità a sportello per l’assegnazione di contributi alle imprese agricole che si avvalgono del servizio di smaltimento delle carcasse di animali da reddito, ad opera di ditte  specializzate.

comunità montana vallecamonicaIl contributo prevede il riconoscimento del 30%, arrotondato per eccesso, del costo sostenuto dalle Aziende Agricole della Valle Camonica con il limite di costo definiti secondo la sottoindicata zonizzazione e i relativi costi di intervento:

Zona 1: Carcasse Raccolte nei Comuni di:
Piancamuno, Artogne, Gianico, Darfo B.T., Piancogno, Cividate Camuno, Berzo Inferiore, Esine, Malegno, Breno, Niardo, Losine, Braone, Cerveno, Ceto, Ono SanPietro, Capo di Ponte

PESO CARCASSA COSTO DI RIFERIMENTO ZONA 1
Fino a 80 kg 30 euro
Da 81 a 200 kg 80 euro
Da 201 a 400kg 100 euro
oltre 401 kg 120 euro

Zona 2 : Carcasse Raccolte nei Comuni di:
Angolo Terme, Bienno, Borno, Lozio, Ossimo, Paspardo, Cimbergo, Sellero, Cedegolo, Berzo Demo, Cevo, Saviore, Edolo, Malonno, Sonico, Paisco Loveno, Corteno Golgi,Monno, Incudine, Vezza, d’Oglio, Vione, Temù, Ponte di Legno; Frazioni dei Comuni di Artogne e Piancamuno.

PESO CARCASSA COSTO DI RIFERIMENTO ZONA 2
Fino a 80 kg 35 euro
Da 81 a 200 kg 100 euro
Da 201 a 400 kg 120 euro
oltre 401 kg 150 euro

L’iniziativa è in continuità a quanto svolto direttamente dall’ATS della Montagna sino al 31 agosto 2018.

Tale intervento è altresì sostenuto da Confagricoltura – Unione Agricoltori di Brescia, che ha sottoscritto un accordo, non vincolante, con una ditta specializzata, e ha mantenuto pressoché invariati i costi di smaltimento, che altrimenti avrebbero  potuto subire notevoli aumenti stante la distanza dei Centri di smaltimento.

Le aziende potranno quindi presentare domanda utilizzando l’apposito modulo predisposto per ottenere il rimborso dei costi sostenuti dello smaltimento avvenuti dopo il 1° settembre 2018.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136