Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Cevo, frana sulla Sp6: necessario l’intervento, approvato accordo di programma

venerdì, 26 gennaio 2018

Cevo – Il 27 dicembre scorso, a causa di una frana, la sede stradale della Sp 6Cedegolo – Cevo – Saviore dell’Adamello” è stata danneggiata in più punti e di conseguenza chiusa al traffico per motivi precauzionali, insieme alla strada comunale che conduce in località Pozzolo di Cevo, anch’essa coinvolta dall’evento franoso. I tecnici della Provincia hanno immediatamente provveduto al disgaggio del materiale roccioso ancora instabile sul versante franoso e alla manutenzione della strada.

Cevo sassiIl 16 gennaio scorso – ha dichiarato il Consigliere delegato ai rapporti con i comuni montani Gianpiero Bressanelli - si è tenuto un sopralluogo congiunto fra tecnici della Regione Lombardia, della Provincia di Brescia, della Comunità Montana di Valle Camonica, nonché dei comuni di Cevo e Saviore, finalizzato a verificare le condizioni di sicurezza del versante. Dal sopralluogo è emersa una condizione di criticità della parete rocciosa per la presenza di alcuni importanti massi instabili. Si è reso quindi necessario un intervento con la posa di barriere paramassi il cui costo complessivo è stato definito in euro 300mila euro, coordinato dall’Unione dei Comuni della Valsaviore”.

La Provincia finanzierà i lavori per un importo pari a 250 mila euro, mentre i comuni di Cevo e Saviore dell’Adamello comparteciperanno alla spesa con 25 mila euro ciascuno.

Si tratta di uno sforzo importante per la Provincia – ha dichiarato il presidente Pier Luigi Mottinelliche nel ruolo di “Casa dei Comuni” ha accolto le istanze del territorio. Entro il mese di febbraio la strada sarà aperta alla circolazione, nell’interesse non solo della popolazione residente, circa un migliaio di abitanti, ma anche delle attività produttive e turistiche di tutta la Valle Saviore”.

I sindaci della zona hanno espresso soddisfazione per l’intervento della Provincia. L’auspicio è che Regione Lombardia investa le risorse necessarie alla riqualificazione delle zone montane, troppo spesso dimenticate.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136