Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Cartelli abusivi a lato delle statali, dopo la Valle Camonica tocca ora alla Valtellina

giovedì, 18 giugno 2015

Valle Camonica (Da. Pap.) – Prosegue la battaglia sui cartelloni pubblicitari. Valle Camonica e Valtellina sono unite: nei giorni scorsi sono state inflitte multe ai cartelloni pubblicitari irregolari.

In Valle Camonica nella battaglia un passo avanti è stato fatto: su decine di cartelloni pubblicitari abusivi a lato della statale 42 è stato definito un accordo tra pubblicitarie istituzioni, in particolare Anas, Comunità Montana e Parco dell’Adamello. O il pagamentogallerie statale Tonale Breno oppure la multa per gli abusivi.

L’Anas dopo l’esperienza camuna è passata alla Valtellina con la guerra ai cartelloni abusivi e sono state comminate decine di multe.

Il regolamento per la disciplina della pubblicità sulle strade della Valtellina e il rilascio delle autorizzazioni è stato redatto nel 2010 dalla Provincia ed adesso Anas e Prefettura fanno rispettare le regole. I cartelli abusivi potrebbero sparire in breve tempo. Al lavoro anche gli agenti della Polstrada.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136