Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Capo di Ponte: un malore all’origine dell’incidente mortale?

martedì, 2 luglio 2019

Capo di Ponte – La vittima del drammatico incidente accaduto nella tarda mattinata sulla statale 42 del Tonale nella galleria Capo di Ponte, in territorio di Capo di Ponte (Brescia), è Giacomina Ghirardi, 68 anni, residente a Nogara ma originaria di MalonnoIncidente Capo di Ponte 1

All’origine dell’incidente ci potrebbe essere un malore dell’autista, ma le indagini dei carabinieri stanno proseguendo. Sul posto sono giunti i carabinieri della stazione di Capo di Ponte, i rilievi sono stati effettuati dai militari della stazione di Cevo e dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Breno, guidati dal maresciallo ordinario Devis Kaswalder. Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco di Darfo e Vezza d’Oglio, i mezzi di soccorso del 118, con automedica, due ambulanze e altrettante eliambulanze.

Incidente - Capo di Ponte

Da una prima ricostruzione dell’incidente sembrerebbe che il conducente della Opel Meriva, che stava salendo da Breno verso l’Alta Valle Camonica, sia stato colpito da malore e abbia invaso la corsia opposta dove sopraggiungeva una Mini con a bordo due persone. La vittima è la donna che era accanto al conducente della Opel Meriva.

Feriti in modo grave i due a bordo della Mini che sono stati trasportati uno al Civile di Brescia e l’altro al Papa Giovanni di Bergamo.

Incidente - Capo di Ponte 01

Entrambi sono in prognosi riservata. Ferito anche l’autista della Opel Meriva, ricoverato all’ospedale di Esine. La statale 42 è stata chiusa per oltre due ore e il traffico deviato sulla provinciale con passaggio nel centro di Capo di Ponte.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136