Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


La battaglia di Farisoglio fa breccia nel prefetto: stop ai lavori sulla Statale 42

lunedì, 23 aprile 2018

Breno – Colpo di scena: il prefetto di Brescia, Annunziato Vardé, pone l’alt ai lavori sulla statale 42 di posa dei guard-rail. L’iniziativa avviata dal sindaco di Breno, Sandro Farisoglio, che ha raccolto la sensibilità di automobilisti, motociclisti e dell’intera comunità camuna, ha fatto breccia nel prefetto di Brescia.

farisoglio

Dopo la lettera inviata lo scorso 18 aprile dal sindaco di Breno, nella quale veniva analizzata la situazione creatasi lungo la statale 42 in seguito alla posa dei nuovi guardrail, il prefetto di Brescia ha sospeso quest’oggi il proseguimento dei lavori, programmati da Anas dal 2 al 31 maggio, per installare ulteriori tratti di barriere metalliche di sicurezza nel tratto a nord di Esine.

Nella missiva  (clicca sull’immagine per ingrandire) inviata a dirigente Anas compartimento Nord Ovest, responsabile settore viabilità Provincia di Brescia, sindaci di Darfo Boario, Esine, Cividate Camuno, Piancogno, Breno, Braone, Niardo e Ceto, il prefetto Vardéfa riferimento alla lettera del sindaco di Breno, al tema della sicurezza sulla statale 42 e dalla necessità di un confronto sull’opera e invita Anas a sospendere i lavori per un approfondimento dell’argomento. Sui nuovi guardrail posizionati tra Darfo ed Esine sono divampate polemiche e l’Anas è finita nel mirino di automobilisti e motociclisti visto il restringimento della corsia. Il dirigente Anas, in un incontro a Sonico, aveva ribadito che i lavori “sono quelli previsti dal codice della strada”.

lettera Prefetto 1Il buon senso dice altro e la battaglia portata avanti dal sindaco Farisoglio ha fatto breccia nel prefetto. “Ringrazio il prefetto per aver letto attentamente il mio documento – commenta Sandro Farisoglio – e per aver preso in considerazione le osservazioni e le riflessioni contenute. Ora mettiamoci al lavoro per risolvere il problema”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136