Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


‘Adamello, Vetta Sacra alla Patria’, Edolo si prepara alle celebrazioni: inaugurazione di infopoint e mostra

giovedì, 14 giugno 2018

Edolo – ‘Adamello, Vetta Sacra alla Patria’, si avvicinano le celebrazioni del 7 luglio: a Edolo presentati l’infopoint, il programma, l’opuscolo riguardanti l’evento e la mostra sull’automobilismo nella Grande Guerra, a cura di Francesco Sinistri, fotografo di guerra 1915-1918. vetta2Presenti all’inaugurazione il presidente dell’associazione Impronta Camuna, in prima linea nella promozione e nell’organizzazione dell’evento, Roberto Bontempi, il sindaco di Edolo, Luca Masneri, l’artista camuno Edoardo Nonelli, oltre a autorità civili e rappresentanti del territorio.

INFOPOINT E INIZIATIVE

L’Associazione Impronta Camuna, in prima linea nella promozione dei luoghi e delle genti camune, ha deciso, nel centenario della fine della Grande Guerra, di elevare l’Adamello a Vetta Sacra alla Patria. A Edolo le celebrazioni, che ricorderanno quei giovani soldati che hanno combattuto e sono morti sui ghiacciai, perchè, allora, ospitava la sede del comando militare. Con l’inaugurazione dell’Info-Point, si è dato il via alle iniziative che vedranno il loro culmine il 7 luglio prossimo con la cerimonia di proclamazione. vetta sacraL’Ufficio Informativo, che si trova in viale Derna 15 a Edolo, vuole essere il punto di riferimento per tutti i visitatori che vorranno ricevere l’opuscolo del programma della manifestazione e acquisire informazioni utili su musei, monumenti, mostre, strutture, di accoglienza, itinerari, orari. Inoltre, si potrà prenotare la cena del 6 e il pranzo del 7 luglio e visitare la mostra del fotografo di guerra edolese, Francesco Sinistri, sul contributo dell’automobilismo alle operazioni belliche. Inoltre, possibilità di adesione all’Associazione. In Piazza Martiri della libertà sala riunioni per le autorità militari e civili.

vetta4Programma eventi
Venerdì 6 luglio
‘Serata Tricolore’, rallegrata da un concerto della fanfara e cori alpini

Sabato 7 luglio
ore 9: sfilata per le vie del paese con conclusione al campo sportivo
Alzabandiera, saluto delle Autorità, Santa Messa con benedizione dei Tricolori.
In seguito, le Autorità si recheranno sulla Vetta per l’alzabandiera, la benedizione del Massiccio dell’Adamello e l’inaugurazione della targa commemorativa. In quota verrà issata sul pennone una bandiera e un’altra (50 metri x 9) sarà distesa lungo il versante sud della cima a simboleggiare l’abbraccio della Nazione ai Caduti.

vetta3MOSTRA SULL’AUTOMOBILISMO NELLA GRANDE GUERRA

L’associazione Impronta Camuna, nell’ambito delle iniziative collegate all’evento ‘Adamello, Vetta Sacra alla Patria’, promuove ad Edolo una mostra sull’automobilismo nella Grande Guerra. L’esposizione, curata dallo storico Alberto Redaelli, originario della cittadina edolese, è stata realizzata col supporto del Gruppo Alpini di Borgosatollo e di Edolo, proponendo 50 fotografie inedite, scattate dall’ufficiale di complemento del Servizio automobilistico del Regio Esercito Italiano, Francesco Sinistri, fotografo di guerra 1915-1918. E’ una testimonianza eccezionale sull’importante funzione svolta dall’automobilismo durante la Prima Guerra Mondiale. La mostra è allestita a Edolo, in piazza Martiri della Libertà 15 e aperta al pubblico dal 13 giugno al 9 settembre con ingresso libero.

BIOGRAFIA

Sinistri trascorse gli anni della Grande Guerra sulle autocolonne che rifornivano le prime linee del Fronte del Cadore e, dopo la ritirata di Caporetto, del Grappa e del Piave. Inoltre, fu presente per un certo periodo sul fronte Giulio. Appassionato fotografo, utilizzando al meglio una Contessa Nettel Piccolette, nei quotidiani spostamenti ritrasse uomini, mezzi, armi, paesaggi, lasciando una preziosa, unica testimonianza di quei drammatici avvenimenti. Nata ad Edolo il 30 gennaio del 1888, Francesco Sinistri si laureò in Legge all’Università di Torino. Fece il servizio militare in fanteria durante il periodo universitario e fu, poi, richiamato allo scoppio della Grande Guerra. Ufficiale di complemento del Servizio automobilistico, venne congedato col grado di capitano. Dopo la guerra esercitò ad Edolo e a Brescia la professione di avvocato e morì in città il 2 agosto 1968. Suo figlio Tebaldo, avvocato penalista, ha scritto opere importanti sulla storia della Valle Camonica e sulle stampe bresciane. Il nipote Francesco, prematuramente scomparso, si è dedicata a una vasta opera sull’iconografia della caccia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136