QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Vertice Euregio: profughi, 55 progetti, scuola superiore per la Pubblica Amministrazione. Tutti i temi trattati e le iniziative

giovedì, 31 marzo 2016

San Michele all’Adige – La Fondazione Mach a San Michele all’Adige ha ospitato l’undicesima seduta della Giunta del Gruppo europeo di cooperazione territoriale (GECT) Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino. Nella riunione i tre presidenti Ugo Rossi (presidente di turno del GECT), Arno Kompatscher e Günther Platter hanno fatto il punto sui progetti in corso, sulle iniziative di cooperazione 2016 in ambito euro regionale, sul tema profughi. ”Lo spirito è quello di unire sempre di più i territori, nell’Euregio e nella macroregione alpina dell’EUSALP”, ha detto Rossi.Fink Platter Rossi Piffer

55 progetti, Familypass, scuola di alta formazione

Il GECT ha fatto il punto sulle iniziative di cooperazione in ambito euroregionale tra le università, su nuovi eventi sportivi, musicali e formativi. 55 progetti con un budget annuale di 2,5 milioni di euro sono già programmati. Tra le prossime iniziative: il calendario culturale dell’Euregio, il Familypass transfrontaliero, la cooperazione in ambito di storia regionale ed euroregionale attraverso il Centro di competenza Storia regionale in collaborazione con i tre atenei dell’Euregio. I Presidenti puntano in particolare al settore della formazione attraverso l’istituzione di un Master biennale di secondo livello in sistemi politici e sociali europei, la cosiddetta scuola di alta formazione postuniversitaria dell’Euregio. Avrà sede a Bolzano in cooperazione con le tre università, Eurac e FBK. “Vogliamo contribuire alla formazione di una classe dirigente trilingue euro regionale”, ha ricordato Kompatscher.

Emergenza profughi: vertice con Kurz

Sul fronte della futura gestione dei profughi è stato fatto il punto della situazione sulla base del lavoro svolto dall’apposita task force istituita a novembre. L’evolversi della situazione è costantemente monitorato sia sulla rotta balcanica che mediterranea. “Abbiamo approfondito le possibili opzioni e variabili che potrebbero prefigurarsi e le soluzioni per essere preparati ad ogni eventualità”, ha sintetizzato Kompatscher. Le situazioni di partenza sono diverse, il Tirolo ad esempio ha già accolto migliaia di richiedenti asilo, “ma vogliamo affrontare il problema assieme. A Roma lavoreremo, con il sostegno dei parlamentari, per essere sempre informati e coinvolti sui flussi dei migranti”, ha aggiunto Kompatscher che ha preannunciato l’arrivo a Bolzano, il prossimo 7 aprile, del ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz e un incontro con i presidenti dell’Euregio.

Tour ciclistico di 500 km e Euregio Music Camp

Nel settore dello sport si vuole potenziare la collaborazione attraverso nuovi criteri per manifestazioni e nuove attività sportive, meno popolari del calcio o dello sci ma rivolte a un pubblico più ampio. Significativo per l’Euregio sarà a fine maggio  il tour ciclistico delle Alpi (Alpenradtour 2016) da Kufstein a Riva del Garda: 300 ciclisti attraverseranno i territori dell’Euregio percorrendo una distanza totale di oltre 500 km. Dai tre Presidenti è arrivato l’annuncio del primo Euregio Music Camp che dal 24 al 31 luglio al Grand Hotel di Dobbiaco raggrupperà giovani musicisti dai 15 ai 24 anni di Tirolo, Alto Adige e Trentino per un’ esperienza musicale e di convivenza unica, senza barriere linguistiche.

Mobilità nella macroregione alpina

Grande attenzione dell’Euregio anche all’area EUSALP – la macroregione alpina con 7 Paesi e 48 Regioni – come piattaforma europea per lo sviluppo nelle Alpi, specie nei settori mobilità e energia. La Giunta ha avviato i passi per istituire un punto di riferimento EUSALP nella rappresentanza Euregio a Bruxelles. Il presidente Platter si è detto soddisfatto per il consenso tregistrato nell’Euregio all’introduzione del divieto di transito settoriale e delle misure di politica tariffaria, “una posizione che ci rafforza davanti all’UE.”rossi kompatscher euregio

Euregio: nasce la scuola per formare amministratori a misura d’Europa

Si costruisce giorno dopo giorno, aggiungendo tasselli, nuove proposte, nuove sfide. I settori sono i più diversi – dalla formazione, allo sport, alla musica ‐ le iniziative ancora più varie – master, corsi, festival. Il coinvolgimento è totale ‐ dai giovani, alle famiglie, agli amministratori. L’obiettivo rimane ed è solo uno: quello di costruire insieme l’Euregio. Oggi, all’undicesima Giunta del GECT “Euregio Tirolo‐Alto Adige‐Trentino”, presso la Fondazione Edmund Mach a San Michele all’Adige è stato fatto il punto su quanto fatto ma soprattutto su quello che sarà. Presenti il presidente del GECT Euregio Ugo Rossi, il presidente dell’Alto Adige Arno Kompatscher e il presidente del Tirolo Günther Platter.

Molte le iniziative in programma per il 2016 soprattutto sul fronte della formazione. È stata infatti approvata la progettazione di un master di secondo livello in sistemi politici e sociali europei. Particolare attenzione sarà posta anche all’aspetto della cooperazione in ambito di storia regionale ed euroregionale attraverso un significativo rafforzamento della cooperazione già esistente tra il Centro di competenza Storia regionale (CeStor) e le tre università dell’Euregio.

Tra le iniziative culturali l’Euregio Music Camp, in programma dal 24 al 31 agosto, che porterà a Dobbiaco giovani musicisti provenienti da tutti e tre i territori. Anche lo sport diventa protagonista dell’Euregio grazie all’Alpenradtour, un tour ciclistico che dal 29 maggio al 5 giugno attraverserà i Tirolo, Alto Adige e Trentino. “Lo spirito è quello di unire ‐ ha sottolineato il presidente del GECT Ugo Rossi ‐ unire sempre più questi tre territori. Non ci fermiamo all’Euregio ‐ ha rimarcato Rossi ‐ in futuro sarà posta un’attenzione particolare all’EUSALP come piattaforma europea per lo sviluppo delle Alpi, specialmente nei settori della mobilità, dell’energia e della formazione”. Si è discusso infine della gestione dell’emergenza profughi in vista dell’imminente attuazione del cosiddetto “Grenzmanagement” dell’Austria, ossia dei controlli previsti ai confini del Brennero, al Passo Resia e a San Candido. I tre presidenti avranno un incontro presso il governo austriaco per preparare al meglio i flussi al Brennero dei prossimi mesi. Sempre a breve è prevista una visita congiunta dei tre presidenti a Roma.euregio trentino alto adige tirolo

Sono in tutto 55 i progetti portati avanti dal GECT “Euregio Tirolo‐Alto Adige‐Trentino”, il budget annuale è di 2,5 milioni di euro.

Ecco il dettaglio delle iniziative:

Master di II livello in sistemi politici e sociali europei – Scuola di alta formazione postuniversitaria dell’Euregio

Il Master biennale di secondo livello avrà sede a Bolzano e sarà promosso dal GECT in collaborazione con le tre Università del territorio, FBK e Eurac. Oggetto del Master sarà la formazione e la specializzazione in “Analisi dei sistemi politici e sociali europei”. Con ciò si intende dare un forte contributo alla formazione di una classe dirigente trilingue euroregionale, in grado di cogliere, anche alla luce dell’attuale crisi del “sistema UE”, la complessità dell’azione politica, economica e sociale in una prospettiva europea. A questo proposito verrà costituito un ristretto e qualificato gruppo di lavoro, guidato dal professor Paolo Pombeni, che avrà il compito di realizzare entro la fine di ottobre 2016 uno studio di fattibilità che consideri costi, individuazione degli interlocutori e modalità di attuazione del progetto.

Centro di competenza Storia regionale (CeStor)
Particolare attenzione viene posta anche all’aspetto della cooperazione in ambito di storia regionale ed euroregionale attraverso un significativo rafforzamento della cooperazione tra il Centro di competenza Storia regionale (CeStor) e i tre atenei dell’Euregio.

Ad agosto è previsto un incontro ad Alpbach con il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker. In questa occasione saranno intitolate tre aule del centro congressi, ognuna delle quali porterà il nome di tre personaggi importanti per i tre territori dell’Euregio. Per il Trentino sarà mons. Iginio Rogger, studioso della storia della Chiesa trentina.

Emergenza profughi
Per quanto riguarda la gestione dell’emergenza profughi è stato fatto il punto della situazione sulla base del lavoro svolto dall’apposita task force istituita a novembre e che ha analizzato in più riunioni i possibili scenari ferma restando la necessità di acquisire ancora molte altre informazioni. L’evolversi della situazione è costantemente monitorata sia per quanto riguarda la rotta balcanica che per quella mediterranea. I tre presidenti avranno un incontro presso il governo austriaco per preparare al meglio i flussi al Brennero dei prossimi mesi. Sempre a breve è prevista una visita congiunta dei tre presidenti a Roma.

EUSALP
L’Euregio porrà in futuro un’attenzione particolare all’EUSALP come piattaforma europea per lo sviluppo delle Alpi, specialmente nei settori mobilità, energia e formazione. La Giunta ha stabilito i prossimi passi da intraprendere in merito ovvero l’istituzione di uno Strategy o Service Point di EUSALP presso la rappresentanza dell’Euregio Tirolo‐Alto Adige‐Trentino a Bruxelles.

Alpenradtour/Tour ciclistico delle Alpi
Il tour ciclistico delle Alpi avrà luogo dal 29 maggio al 5 giugno 2016 e farà tappa a Chiemsee, Kufstein, Innsbruck, Bressanone, Bolzano, Trento e Riva del Garda. 300 ciclisti attraverseranno i tre territori dell’Euregio percorrendo una distanza totale di oltre 500 chilometri. La manifestazione sarà seguita da diverse compagnie di broadcasting. Attraverso un fitto programma culturale e sportivo, i partecipanti avranno la possibilità di conoscere la popolazione locale, cultura e caratteristiche culinarie delle varie tappe.

Promozione dello sport
Anche nel settore dello sport, soprattutto per i giovani, i tre territori dell’Euregio intendono collaborare sempre di più. Per raggiungere tale obiettivo, sono stati fissati nuovi criteri per manifestazioni sportive a livello euroregionale, come pure per nuove attività sportive, meno popolari del calcio o dello sci, ma rivolte ad un pubblico più ampio e meno di “nicchia”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136