QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Vermiglio: rivisto il progetto di captazione in Val Verniana. Via libera dalla Giunta

mercoledì, 2 settembre 2015

Vermiglio – Via libera alla variazione del progetto esecutivo relativo ai lavori di “Ristrutturazione e razionalizzazione della rete acquedottistica del Comune di Vermiglio con captazione nuova sorgente in val Verniana”.

La Giunta comunale di Vermiglio (Trento) guidata dal sindaco Anna Panizza (nella foto), ha approvato l’aggiornamento del progetto e degli elaborati del marzo 2012 a firma dell’ingegner Santini Pierluigi di Ossana.

Durante i lavori è emersa la necessità di effettuare alcune variazioni: posa di tubazione in ghisa sferoidale DN 125 mm (anziché DN 100mm), che collega la Anna Panizza sindaco Vermiglio1nuova opera di presa Verniana alta con l’opera di presa esistente a Verniana; realizzazione nuovo acquedotto di collegamento in val Verniana tra l’opera di presa esistente e il serbatoio esistente sopra Fraviano, in ghisa sferoidale DN 150 mm. In pressione, al fine del previsto utilizzo idroelettrico mediante l’utilizzo di tubazioni atte a sopportare pressioni crescenti: nel primo tratto PN 16 bar, successivamente PN 48 e nell’ultimo tratto PN 60 bar (con costi unitari maggiori all’aumentare della pressione).

E’ prevista inoltre una variante di tracciato fra i masi di Verniana e il tornante da cui parte la strada che, attraversando la valle del rio Pizzano, arriva in zona “Boschedei”: la variante, concordata e approvata dal Servizio Forestale, segue il tracciato stradale fino alla località Plazzola per poi attraversare il bosco con un percorso lineare, analogo a quello dell’acquedotto esistente. Con la modifica del tracciato verrà evitato il passaggio in zona “Salini”, a ridosso della valle del Rio San Leonardo, interessata recentemente da eventi franosi. Nell’attraversamento della valle del rio Pizzano, zona con problemi idrogeologici, in sostituzione delle previste strutture in legno “bragheri”, su indicazione del Servizio Forestale sono previste, a sostegno della sede stradale, “terre armate”, appoggiate su micropali di fondazione, a cui saranno ancorate le nuove tubazioni, per impedire spostamenti o deformazioni differenziali della condotta.

Inoltre sarà sostituita la vecchia tubazione di adduzione dalle sorgenti di Saviana al serbatoio comunale con nuova tubazione DN 150 mm in pressione, al fine del previsto utilizzo idroelettrico: nel primo tratto PN 16 bar, successivamente PN 48 e nell’ultimo tratto PN 60 bar. Il Comune di Vermiglio – su suggerimento del Servizio Forestale sulla nuova opera di presa Verniana alta – ha spostato l’accesso sul lato sinistro a valle del fabbricato, al fine di scongiurare possibili danni in caso di fenomeni valanghivi che potrebbero scaricarsi dal versante opposto della val Verniana.

Per eseguire i lavori rispetto al progetto originale aumentano gli importanti contrattuali per i lavori della ditta Bondì di Livo ( 176.754 euro), della ditta Kappa Cob (16.179 euro) e della Società Cooperativa CISETTE (17.656 euro) e il costo complessivo dell’opera  sale a 2 milioni 136 mila euro, rispetto gli iniziali 2 milioni e 41 mila euro.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136