QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Val di Sole, a Commezzadura la pista più folle della downhill diventa una Vertical Run Race

venerdì, 9 settembre 2016

Commezzadura – Di corsa dall’arrivo alla partenza. Magica Black Snake, non più solo la pista più amata e odiata dai campioni, la più folle e selvaggia della mountain bike mondiale, ma anche l’unica in grado di ospitare una vera gara di Vertical Run proprio per le sue caratteristiche tecniche. Domani pomeriggio la mitica pista di Daolasa invertirà per così dire il proprio verso di gara, trasformandosi nell’arena della suggestiva “Vertical Run Race”, prova di corsa in salita che porterà i concorrenti a risalire dall’arrivo (per l’occasione partenza) alla partenza (per l’occasione arrivo) la pista regina del downhill dei Mondiali UCI Mtb Val di Sole 2016.

val-di-sole-10

L’appuntamento è organizzato in collaborazione con l’Associazione Sportiva Ski Alp Val di Sole. E l’idea, per certi aspetti un po’ folle, certamente inusuale, è venuta al suo presidente Franco Podetti che in questi giorni abbina gli straordinari per preparare la gara di DH Mtb a ritagli di tempo per preparare l’ascesa. Si, perchè colui che può essere considerato tra i papà della Mtb in questo meraviglioso angolo del Trentino, ha anche la passione della Sky Runner. E domani sarà in gara (Nelle foto di Michele Mondini).

“L’idea mi è venuta vedendo proprio la ripidità della pista. Perché non provare a risalirla, mi sono chiesto, e utilizzarla per una gara di Vertical veramente impegnativa, considerando che alcuni tratti hanno una pendenza del 40%”. Un terreno di gara degno delle migliori gare di corsa in montagna, come testimonia Davide Magnini, Campione italiano e vicecampione Europeo Under 20 della specialità,. “La gara è senza dubbio affascinante, un’intuizione per certi versi geniale per promuovere la corsa in montagna ed in particolare il Chilometro Verticale. In genere a questo tipo di manifestazioni non c’è un grande pubblico ma la possibilità di allestire il tutto nel cuore di un evento di grande respiro come i Mondiali di Mountain Bike permetterà un’eccellente azione promozionale e divulgativa, andando a colpire e spero emozionare tanti appassionati sportivi”.partenza-michele-mondini-1

I dati tecnici della gara promozionale non competitiva sono di fatto gli stessi della downhill, ma di verso opposto: 540 metri di dislivello in salita per uno sviluppo complessivo di 2,2 chilometri.

La Vertical Run Race è in programma domani alle 17 poco dopo la conclusione della giornata riservata alle qualificazioni dei Mondiali assoluti di Downhill. Sarà possibile iscriversi a partire dalle 15:30 presso la Sala Accrediti ospitata dal Palazzo del Comune di Commezzadura versando la cifra di 15 euro, comprendente una nutrita serie di gadget e la possibilità di tornare a valle con gli impianti di risalita. Alle 20 grande conclusione con la premiazione finale e l’arrivederci al giorno successivo per l’entusiasmante spettacolo dei Mondiali di Downhill. Info: skialpvaldisole@gmail.com o Franco Podetti 335.7033745


Mondiale DH, l’incognita e’ la polvere della Black Snake, Coppa incorona Atherton e Gwin, vincenti in Val di Sole 2015

La UCI Mountain Bike World Cup 2016 si è appena chiusa con lo spettacolare round di Andorra, ma i campioni della downhill sono ancora in piena tensione agonistica per la gara di domenica sulla Black Snake di Daolasa dove si corre l’appuntamento principale stagionale che assegnerà i quattro titoli iridati al Mondiale UCI Mtb Val di Sole 2016.

Ed è grande lotta nella gara Elite, Women e Men. Se nella prima è facile fare un pronostico, nella seconda la lotta è più incerta. Tra le donne, la britannica Rachel Atherton viene da un 2016 trionfale: sette gare su sette vinte in Coppa del Mondo, allungando la sua striscia di successi consecutivi a 14 – compresi i Mondiali 2015 – un vero e proprio record. Nelle ultime gare dell’anno le avversarie si sono avvicinate alla super campionessa (una volta iridata tra le Junior e tre nelle Elite), forse sfruttando un naturale calo di tensione. Le più serie contendenti al podio sono la francese Myriam Nicole che, al rientro da un lungo infortunio, ha corso due gare chiudendo entrambe al terzo posto, e l’australiana Tracey Hannah (Campionessa del Mondo Junior nel 2006), dietro alla Atherton per quattro round in Coppa. Possibili outsider sono due connazionali della campionessa in carica: Manon Carpenter, iridata tra le Junior nel 2011 e tra le Elite nel 2014, e Tahnée Seagrave, vincitrice del titolo Junior nel 2013.

In campo maschile, il britannico Danny Hart, con i tre successi consecutivi negli ultimi tre round di World Cup UCI, ma ufficialmente riaperto i giochi. Ha mancato la generale di Coppa del Mondo per un soffio, conquistata dal naturale favorito dei Mondiali 2016, lo statunitense Aaron Gwin, già tre volte vittorioso sulla Black Snake della Val di Sole e alla ricerca del titolo che manca alla sua ricca bacheca di trofei. Gwin e Hart si sono spartiti la World Cup quest’anno – rispettivamente due e tre vittorie – lasciando ai naturali avversari per l’iride, il francese Loic Bruni e il sudafricano Greg Minnaar, una tappa a testa. Il primo, campione del mondo Junior nel 2012 ed Elite nel 2015, viene da una stagione difficoltosa, saltando tre gare per infortunio, ma si è dimostrato velocissimo e motivato nelle ultime due gare. Il sudafricano difficilmente manca gli appuntamenti importanti, oltre a essere il discesista più titolato in attività: record di vittorie in Coppa e tre Mondiali Elite conquistati. Da non sottovalutare il due volte campione del mondo Junior, l’australiano Troy Brosnan, sempre veloce e consistente in World Cup pur avendo mancato l’acuto.

Le particolari condizioni della pista Black Snake, polverosissima, l’hanno resa ancora più tecnica e dura, con le linee che cambiano in continuazione obbligando gli atleti a una continua reinterpretazione. I giochi sono più che mai aperti al Mondiale UCI Mtb Val di Sole 2016.

La giornata inizierà con i giovanissimi atleti delle categorie Junior maschile e femminile. Tra i primi, sarà una lotta a due tra i canadesi Finnley Iles e il francese Gaetan Vige, vincitori di tre round a testa in Coppa ma con il primo che ha conquistato la massima serie mondiale, mentre il britannico Elliott Heap è il terzo incomodo. Tra le ragazze il passaggio alle Elite delle atlete a podio nel 2015 ha reso la lotta molto più incerta, con l’australiana Sian A’Hearn favorita sulla francese Melanie Chappaz (in World Cup corrono insieme alle Elite e non esiste una classifica di categoria).

Programma
Venerdì 9 settembre: 9.00-11.30 allenamento ufficiale per Junior e Women Elite; 12.00-14.30 allenamento ufficiale per Men Elite
Sabato 10 settembre: 8.00-9.15 allenamento ufficiale per Junior e Women Elite; 9.30-10.45 allenamento ufficiale per Men Elite; 11.30-15.00 sessioni cronometrate Elite e qualifiche ufficiali Junior
Domenica 11 settembre: 8.00-9.00 allenamento ufficiale Junior e Women Elite; 9.30-10.30 allenamento ufficiale Men Elite; 11.00 finali Women Junior e Men Junior; 12.45 finali Women Elite; 14 finali Men Elite


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136