QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Pejo: il pastore che maltrattò l’asino patteggia 6 mesi

mercoledì, 16 marzo 2016

Peio – Salda il conto con la giustizia, ammette l’errore e patteggia sei mesi il pastore O.V., 50enne, di Peio (Trento) che nell’autunno scorso aveva trascinato e maltrattato il suo asino. La vicenda era diventato un caso nazionale quell’immagine dell’asino a terra, maltrattato.

Pejo carabinieri e asino1

Davanti al giudice Marco La Ganga e difeso dall’avvocato Romina Salvaterra il pastore della Val di Pejo ha ammesso la colpa e patteggiato sei mesi per maltrattamento di animali. Il 50enne era stato denunciato dai carabinieri di Cogolo per aver trascinato con l’auto il suo asino. Lui si è difeso: era immobile e non reagiva.

LA VICENDA - Il 30 ottobre scorso il pastore doveva trasferire i suoi asini e uno non voleva saperne di spostarsi. C0sì legò una corda al collo dell’asino e strinse l’altro capo al gancio di traino del suo fuoristrada. Ingranata la marcia, l’uomo trascinò il povero asinello per quasi tre chilometri fino alla stalla dove la bestia venne abbandonata al suo destino. La vicenda però non sfuggì ai carabinieri di Cogolo che arrivarono alla stalla seguendo anche le tracce di sangue lasciate sull’asfalto.

L’asino morì e gli altri di sua proprietà vennero affidati al fratello, che – nella sentenza – sono stati confiscati. Ora saranno affidati ad associazioni animaliste o messi all’asta.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136