QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

La querelle sul parcheggio Pejo fonti finisce davanti al giudice di Cles

lunedì, 20 maggio 2013

Pejo – Il caso del parcheggio interrato in località Pejo Fonti è finito in tribunale, per la controversia sulle spese delle ditte interessate ai lavori. La sezione distaccata di Cles del tribunale di Trento ha deciso il pignoramento di una somma destinata alla ditta che aveva vinto l’appalto e adesso l’Amministrazione procede al recupero di una parte di quanto già versato ella somma.

Il progetto di realizzazione del parcheggio interrato a Pejo Fonti, vicino alla cabinovia che porta alla stazione Pejo 3000 era stato definito in 557.900 euro. Era inserito nterme di pejo3el piano di ampliamento del demanio sciabile e delle attività in località Pejo, con un programma d’intervento del 2010 e i lavori eseguiti tra il 2011 e il 2012.

L’impresa che ha vinto l’appalto  ha eseguito lavori, con altre due ditte in subappalto che ora rivendicano il pagamento delle opere realizzate. La decisione del tribunale di Cles è stata quindi di pignorare due somme, una di 98.680 euro e l’altra di 138.549  euro. Immediata la decisione delle Giunta comunale, che ripartirà con un giro di cassa le somme  alle due ditte subappaltatrici, e quindi porrà fine alla controversia sui pagamenti con le aziende che hanno effettuato i lavori.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136