QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Il nuovo parroco di Pejo, don Enrico Pret, incontra le realtà della valle

giovedì, 31 ottobre 2013

Peio – Il nuovo parroco, don Enrico Pret, dopo la cerimonia d’ingresso di domenica scorsa sta conoscendo il territorio dell’Alta Val di Sole e quella di Pejo.  ”Ho un vasto territorio – è il suo commento – e in questo momento sto conoscendodon Enrico Pret le singole realtà, che sono vedendo sono vive”. Domenica al suo ingresso, dopo l’accoglienza riservatagli dai fedeli e dalle autorità, partendo dal sindaco Angelo Dalpez, dagli assessori comunali Afra Longo e Mauro Pretti, quindi le forze dell’ordine con i comandanti delle stazioni carabinieri di Cogolo e Vermiglio per poi arrivare al Corpo bandistico della Val di Pejo, cori delle parrocchie, alpini in congedo, Avis, Sat, Soccorso alpino, vigili del fuoco volontari effettivi e allievi, Valpejo Calcio e Sci Club, era visibilmente emozionato. E lo ha confermato ai sacerdoti, al decano don Renato Pellegrini e a don Gaetano, nuovo parroco di Dimaro, al termine della cerimonia.

Il nuovo parroco della  Val di Peio e Alta Val di Sole, conta anche Vermiglio e il Passo Tonale, è nato nel 1962 a Smarano in Val di Non, ordinato sacerdote nel 1989, quindi assegnano come cappellano a Riva del Garda e Mori, decano di Folgaria e delle parrocchie di Lavarone e Luserna, ha un’esperienza nell’ambito pastorale. In questo week end ci sarà la sua prima uscita e un appuntamento importante sarà quello con gli alpini al Passo Tonale lunedì 4 novembre.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136